San Marino, segreteria finanze: pagamento dell’imposta Straordinaria sugli immobili
PDF Stampa
Venerdì 09 Agosto 2013

 

Da qualche giorno è stato recapitato a casa dei soggetti tenuti al pagamento dell'imposta straordinaria sugli immobili il prospetto di calcolo dell'imposta e il bollettino di pagamento.

La circolare applicativa è stata pubblicata sul sito www.pa.sm e sul sito www.finanze.sm dal 2 agosto scorso e chiarisce: le modalità di calcolo dell'imposta, le verificazioni delle straordinarie catastali, le modalità di calcolo delle detrazioni ed abbattimenti soggettivi, i pagamenti, le sanzioni, oltre a contenere la tabella con la suddivisione delle categorie catastali ed esempi di applicazione dell'imposta.

Una precisazione importante riguarda l'importo stampato sul bollettino inviato alle case, si tratta dell'importo lordo, come più volte precisato nelle comunicazioni delle Segreteria Finanze. Non ci sono né pasticci burocratici né inesattezze. La scelta di indicare l'importo lordo è determinata dal fatto che il computo delle detrazioni e degli abbattimenti è un calcolo esclusivamente soggettivo che solo il contribuente può effettuare con precisione in base al proprio status familiare e patrimoniale. Coloro che non hanno diritto ad abbattimenti o detrazioni devono pagare l'importo indicato nel bollettino. L'imposta lorda è stata calcolata dall'Ufficio Tecnico del Catasto sulla base delle risultanze catastali al 31.12.2012

Fuori luogo le dichiarazioni dalla CSU, sull'invio di bollettini con importi gonfiati e l'indicazione agli sportelli bancari di non accettare i pagamenti, producono solo disorientamento e penalizzano il regolare svolgimento delle operazioni di pagamento.

Il punto fondamentale è invece la verifica soggettiva sul possesso dei requisiti per l'eventuale applicazione di abbattimenti e detrazioni al fine di poterli scorporare dall'importo indicato nel bollettino ricevuto e procedere al ricalcolo per pagare il netto effettivamente dovuto.

Nel caso di diritto ad abbattimenti e detrazioni, occorre attendere il 2 settembre per attivare la procedura di ricalcolo dell'imposta dovuta, anche in caso di abbattimento totale dell'imposta, attraverso la procedura telematica di autoliquidazione sul sito www.pa.sm. Importante sapere che è possibile delegare una persona di fiducia, familiare e non, che provveda per proprio conto al ricalcolo, accedendo alla procedura di autoliquidazione.

A breve, comunque prima della data di attivazione della procedura di autoliquidazione prevista dal 2 settembre, saranno disponibili sul sito le istruzioni per provvedere il proprio accreditamento o dell'eventuale persona delegata, per accedere alla procedura di autoliquidazione e per stampare il nuovo bollettino di pagamento con il quale procedere al pagamento di quanto effettivamente dovuto.

Ricordiamo che gli abbattimenti e le deduzioni riguardano la prima casa, il carico familiare, la sede effettiva dell'attività economica così come dettagliati nell'articolo 2 comma 1 del Decreto Delegato 23 luglio 2013 n.90, i terreni agricoli come nei casi regolamentati nell'articolo 3 comma 4 dello stesso Decreto.

Le scadenze di pagamento sono il 21 ottobre se l'importo è pagato in unica rata. Se l'importo è pagato in due rate la prima va pagata entro il 21 ottobre e la seconda entro il 20 dicembre. La rateizzazione è consentita per importi dovuti pari o superiori a 1000 euro.

In caso di smarrimento del prospetto e o del cedolino è possibile scaricarne copia sul sito www.pa.sm. Per eventuali chiarimenti rivolgersi all'Ufficio Tecnico del Catasto e per chiarimenti sui pagamenti all'Ufficio Tributario (persone fisiche 0549 885452 – persone giuridiche 0549 885051). Sono disponibili copie della circolare applicative presso le Case di Castello, l'Ufficio Tecnico del Catasto, l'Ufficio Tributario e la Segreteria di Stato per le Finanze.