Rimini, Camera di Commercio: al via le procedure per il rinnovo degli organi
PDF Stampa
Mercoledì 09 Ottobre 2013

 

RIMINI - Hanno preso il via nella riunione del Consiglio della Camera di commercio di Rimini le procedure che porteranno l'Ente di via Sigismondo a un completo rinnovo dei propri organi nella prossima primavera. I consiglieri camerali in particolare saranno 28 di cui 25 in rappresentanza delle associazioni di categoria e 3 invece obbligatori in rappresentanza di: consumatori, lavoratori e professionisti.

La ripartizione fra i settori sarà la seguente:

 

5 consiglieri commercio

 

4 consiglieri turismo

 

4 consiglieri artigianato

 

4 consiglieri servizi alle imprese

 

3 consiglieri industria

 

2 consiglieri cooperative

 

1 consigliere trasporti e spedizioni

 

1 consigliere agricoltura

 

1 consigliere credito e assicurazione

 

La procedura. Alla pubblicazione dell'avviso di rinnovo del Consiglio camerale, le associazioni di categoria dovranno presentare alla Camera di commercio ciascuna i propri "dati" per concorrere ad avere propri rappresentanti in seno al Consiglio. I dati saranno verificati dall'Ente camerale che li trasmetterà alla Regione la quale, sulla base dei numeri delle singole associazioni, ripartirà i seggi in maniera matematica, basandosi su 4 indicatori:

 

- numero di imprese associate iscritte al Registro delle imprese

 

- numero degli addetti e degli occupati del settore di riferimento dell'associazione

 

- valore aggiunto, ovvero la ricchezza prodotta

 

- diritto annuale versato

 

E' possibile apparentarsi: le singole associazioni possono cioè, alla presentazione dei propri dati, specificare che hanno già deciso di apparentarsi. In tal modo la Regione ripartirà i seggi fra i vari settori ma lascerà alle singole associazioni apparentate la decisione sui nomi da designare in Consiglio.

Ad aprile 2014 il nuovo Consiglio poi provvederà all'elezione del nuovo Presidente della Camera di commercio di Rimini. Poi, con scrutinio segreto, si procederà all'elezione dei membri della Giunta.