Franchigia per i frontalieri, Arlotti presenta emendamento alla Legge di stabilità
Stampa
Martedì 05 Novembre 2013

 

Porta la firma del deputato PD riminese Tiziano Arlotti l'emendamento alla Legge di stabilità depositato questa mattina sulla questione della franchigia per i frontalieri. Il provvedimento propone di introdurre, a regime, il beneficio vigente per l'anno 2013 in favore dei lavoratori, stabilizzando dal 1 gennaio 2014 la franchigia di 6.700 euro.

L'emendamento, sottoscritto a palazzo Madama da una quarantina di senatori (tra gli altri, Josefa Idem e Laura Puppato, Felice Casson, Stefania Pezzopane, Oliviero di Scelta Civica, Del Pin del Gruppo misto, Barani e Dalla Tor del Pdl), verrà vagliato nelle prossime settimane al Senato in seno alle commissioni competenti.

L'emendamento intende stabilizzare nell'immediato la franchigia fiscale per chi varca ogni giorno i confini nazionali per prestare la propria opera all'estero, spiega Arlotti, che stamane ha incontrato il capogruppo PD in commissione Bilancio del Senato, Giorgio Santini, anch'egli fra i sottoscrittori. "Un lavoro corale e compatto in Parlamento è la premessa per raggiungere l'obiettivo che si prefissa l'emendamento e per far valere i diritti dei lavoratori frontalieri. E' importante che una materia così delicata trovi la convergenza delle forze politiche rappresentate in entrambi i rami, e che al Senato l'emendamento venga approvato nelle commissioni con un'ampia convergenza. Un analogo provvedimento verrà depositato con le firme dei colleghi del Pdl".

Il tema dei lavoratori frontalieri resta una questione cruciale che va affrontata in tutta sua complessità, continua il deputato riminese. "L'altra azione che dovrà essere portata avanti è quella di definire con legge ordinaria, forti anche delle mozioni già approvate dalla Camera, tutta la materia relativa allo status del lavoratore frontaliero, sia di natura previdenziale, sia sanitaria, sia assistenziale, e i relativi diritti dei cittadini residenti in Italia che lavorano all'estero, a prescindere dal Paese in cui prestano opera. Nella legge ordinaria l'obiettivo è in particolare di aumentare il livello della franchigia percentualizzandolo, così come prevede la proposta di legge che ho depositato con oltre 40 firme alla Camera".