Sequestro Abu Omar, per Pollari in appello chiesti 12 anni
PDF Stampa
Giovedì 28 Ottobre 2010

Il sostituto procuratore generale, Piero De Petris, ha chiesto la condanna a 12 anni di carcere per l'ex direttore del Sismi, Nicolò Pollari, al termine della sua requisitoria nel processo d'appello per il sequestro dell'ex imam di Milano, Abu Omar; 10 anni sono stati chiesti per l'ex numero due del Servizio segreto, Marco Mancini; 12 per Jeff Castelli e 10 per Bob Seldon Lady. Per tutti gli altri agenti della Cia, il rappresentante della Pubblica accusa ha sollecitato una condanna a 8 anni.
"Le 'consegne straordinarie' - ha detto De Petris - hanno ferito in modo grave la coscienza dell'intera comunità internazionale". Sono "fatti di estrema gravità perché offendono le fondamenta stesse dello stato di diritto".
Il Pg ha spiegato di ritenere che "non vi sono ragioni per concedere le attenuanti generiche agli imputati, considerata l'elevatissima intensità del dolo. Va considerata di particolare rilevanza, quanto a disvalore penale, la posizione di chi aveva un potere decisorio".
In primo grado, il Tribunale aveva dichiarato il non doversi procedere nei confronti di Pollari e Mancini per il segreto di Stato.