Expo di Shanghai, un bilancio al di sopra delle aspettative
PDF Stampa
Venerdì 19 Novembre 2010

SAN MARINO - L’avventura della partecipazione di San Marino all’Expo 2010 di Shanghai si è conclusa.
Ieri, nel Palazzo del Turismo, i Segretari di Stato per il Turismo, Fabio Berardi, e per l’Industria e il Commercio, Marco Arzilli, insieme al Commissario Generale per l’Expo, Mauro Maiani, hanno commentato, di fronte alla stampa e agli sponsor, il senso di questa esperienza.
Un risultato sorprendente e positivo, è il parere unanime dei relatori e degli intervenuti.
Con 1.653.906 visitatori il Padiglione di San Marino è stato quello più frequentato tra quelli dei piccoli stati d’Europa.
Tra gli elementi di successo: le ottime relazioni che intercorrono tra i due Stati, un padiglione architettonicamente e funzionalmente azzeccato, una comunicazione chiara, la presenza di elementi fortemente simbolici ed evidentemente in grado di colpire la sensibilità del pubblico, come la Statua della Libertà e i costumi dei Capitani Reggenti, la presenza di prodotti molto richiesti come i francobolli e le monete. Le vendite, ha detto il Commissario Generale, Mauro Maiani, sono andate bene ed hanno contribuito, insieme a un notevole impegno gestionale per il contenimento delle spese - di chiudere l’Expo con un avanzo di 100.000 euro sul preventivato stanziamento di 1.700.000 euro.
E mentre da Arzilli è arrivata la conferma degli importanti contatti presi a livello commerciale e imprenditoriale, Berardi ha sottolineato che l’esperienza dell’Expo non è affatto conclusa, ma proseguirà con iniziative speciali nel 2011. Occorre infatti dare concretezza alle premesse lanciate. Il 2011 sarà anche l’anno del 40° anniversario delle relazioni ufficiali tra Cina e San Marino, e la Segreteria Esteri sta già valutando insieme all’Ambasciatore cinese a Roma la possibilità di attuare iniziative ad hoc.
Intanto è già stato fissato per la primavera 2011 un educational che coinvolgerà i tour operator delle agenzie con cui sono stati siglati accordi e sono stati predisposti pacchetti di viaggio che includono un soggiorno a San Marino nei tour in Europa. E alla Cina sarà dedicata dal 7 al 10 luglio l’anteprima dell’Etnofestival.
Tra i successi portati a casa da San Marino nell’Expo del secolo, il Premio all’esibizione degli Sbandieratori fatta il 4 giugno per la festa nazionale – per l’esecuzione suggestiva e impeccabile e per aver rotto ogni schema protocollare ribaltando il rapporto pubblico-attrazione negli spazi deputati-, e la selezione della Statua della Libertà tra i 20 migliori elementi espositivi dei 242 padiglioni presenti, da collocare nel Museo dell’Expo.
I Segretari di Stato hanno concluso la conferenza stampa ringraziando gli sponsor e tutti coloro che hanno contribuito alla partecipazione di San Marino all’Expo, in particolare il Commissario Generale Mauro Maiani e lo staff del Commissariato, la Direttrice del Padiglione a Shanghai, Marica Mazzotti, con Davide Righi e tutto lo staff, e gli architetti di AM Studio.
“L’esperienza – ha concluso Berardi – è stata un buon banco di prova di come si possa lavorare in modo proficuo e con ottimi risultati unendo e coordinando l’impegno di tutti i principali protagonisti dell’intero sistema Paese”.
c.s.