Su Wikileaks x-files di San Marino Ma parlerà  anche delle sue banche?
PDF Stampa
Martedì 30 Novembre 2010

Wikileaks fa tremare il mondo? Beh, a San Marino sono altre le questioni che fanno tremare. Eppure il nome del Titano risulta evidente in diversi x-files pubblicati sul sito che diffonde copiosamente dati e informative che dovrebbero essere rigorosamente riservati. Al momento sul sito più temuto e odiato dall’amministrazione Obama non si può accedere. Di fatto si è potuto appurare che, in base ai titoli, le notizie riguardanti San Marino riguardano l’ultimo triennio, dal 2008 in poi, e che vedono la Repubblica monitorata alla pari di Montecarlo e altri piccoli Stati.

Nel frattempo è di oggi la notizia che il super ricercato e il super irreperibile (formalmente per una doppia accusa di stupro da parte della magistratura belga) Julian Assange ha “promesso” che presto incomincerà a occuparsi di banche. E chissà allora se ci saranno carte segrete capaci di farci scoprire eventuali strane manovre ad esempio dietro la vicenda della cessione di Delta, con tutta quella pressione mediatica apparsa alla luce dei fatti ingiustificata (basti pensare alle illazioni sul recupero dei crediti, che invece è proseguito regolare), che tuttavia ha finito per mettere alle corde il principale istituto di credito del Titano ed a smantellare e svendere un gruppo che produceva reddito e occupazione. Una vicenda questa che ha visto schierarsi, in più di un’occasione, perfino Elio Lannutti, Presidente dell’Adusbef.