Milena Gabanelli vs Giulio Tremonti Informata tardi dell'esposto all'Agcom
PDF Stampa
Lunedì 13 Dicembre 2010

Giulio Tremonti e Milena Gabanelli.
Il Ministro di ferro e la lady di ferro di Report. Ma in un’associazione di idee poi non così scontata va aggiunta un terzo elemento, spesso presente quando si parla dell’uno o dell’altra. E cioè la Repubblica di San Marino.
Lo scontro tra Kaiser Tremonti e Lady Gabanelli è aperto dopo gli ultimi servizi di Report sul di lui presunto conflitto d’interesse. Conflitto d’interesse nello specifico come “controllore” e “controllato”, in quanto secondo la ricostruzione della trasmissione d’inchiesta di RaiTre sarebbe ancora forte il suo influsso sullo studio privato Vitali, Romagnoli e Picardi (dallo stesso Tremonti fondato) che gestisce i contenziosi milionari di gruppi di primissimo livello, da Fininvest a Dolce & Gabbana tanto per citare i più noti. E San Marino? Già, San Marino è stato più volte tirato in ballo (a volte impropriamente, a volte no) dalla Gabanelli. Questa volta è il Fatto Quotidiano a ricordare che Tremonti, in qualità di avvocato tributarista, già fu consulente a San Marino, quando il Titano era sicuramente molto più “paradiso fiscale” di oggi.

Tornando alla querelle tra Giulio Tremonti e Milena Gabanelli, il primo ha presentato un esposto contro Report per il servizio andato in onda il 24 ottobre scorso, la seconda ha denunciato, in diretta Tv (ovvio) che l’esistenza dell’esposto del Ministro – peraltro prevedibile e quasi scontato, aggiungiamo noi - gli è stato notificato in ritardo e solo su sua espressa richiesta. Gabanelli ha precisato che ha saputo solo il 10 dicembre dell’iniziativa di Tremonti atta a chiedere all’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni di sanzionare il programma per un servizio del 24 ottobre. Notizia che è stata notificata alla Rai il 29 novembre, quindi quasi due settimane prima.
La prassi dice che la Rai ha a disposizione 30 giorni di tempo (fino al 29 dicembre, dunque) per predisporre le sue memorie difensive. Il tempo, quindi, per preparare la linea difensiva di Report è diventato estremamente stretto, secondo Milena Gabanelli. Che peraltro difende la correttezza di Report e ricorda che Tremonti si è defilato da quel contraddittorio che oggi invoca.
Il servizio in questione, ‘Conti, sconti e Tremonti’, a giudizio del Ministro era lesivo dei principi di imparzialità e correttezza dell’informazione. Ma Tremonti, più volte sollecitato dalla redazione di Report, non ha mai risposto alle critiche. “Stiamo predisponendo – conclude la Gabanelli - la corposissima documentazione sulle fonti, sui curriculum dei personaggi intervistati, sulle richieste di intervista alle quali non abbiamo ricevuto risposta”.