Riciclaggio e usura, respinto ricorso per 1 mln di euro sequestrato
PDF Stampa
Martedì 14 Dicembre 2010

La notizia è di pressante attualità, e rimbalza dal sito web del giornale La Sicilia: il sequestro del milione di euro depositato in una banca sammarinese da due imprenditori catanesi e operato dal tribunale di San Marino in quanto ritenuto provento di riciclaggio di denaro e usura, non verrà sbloccato.
La decisione è stata presa dal Giudice di terza istanza Lamberto Emiliani, che ha emesso una sentenza con la quale respinge il ricorso contro il sequestro cautelativo che era stato presentato dagli avvocati dei due fratelli imprenditori.

L'indagine del Tribunale di San Marino – ricorda il giornale siciliano - partì nel 2009; il commissario della legge Rita Vannucci inviò una rogatoria alla Procura di Catania per accertamenti da compiere sull'attività di un imprenditore siciliano. Con una serie di rogatorie incrociate, la Procura di Catania e il Tribunale unico di San Marino risalirono all'attività dei due fratelli, uno indagato in Italia per usura, l'altro a San Marino per riciclaggio.

Al di là dei dettagli legali del caso, questa vicenda giudiziaria è la conferma che la magistratura sammarinese oggi è impegnata più che mai nella lotta al riciclaggio di denaro, e che la collaborazione con l'Italia è operativa, non solo di facciata.