Pensionati a Bruxelles contro la crisi
PDF Stampa
Martedì 15 Febbraio 2011

“Lavoratori e pensionati pagano prezzi salati per gli errori del mondo finanziario dove retribuzioni e bonus, invece, restano scandalosamente generosi”. E’ il grido d’allarme della Federazione europea pensionati, che nei giorni scorsi a Bruxelles ha riunito il comitato esecutivo. Ai lavori hanno partecipato anche le federazioni pensionati sammarinesi, con Luigi Forcellini (FUPS-CSdL) e Nevia Casadei (FNPS-CDLS). “Lo scenario di crisi economica – spiegano – ha gli stessi connotati in quasi tutti i Paesi europei, compresa San Marino. La situazione generale è segnata da grande incertezza, soprattutto per le fasce più deboli e svantaggiate della società: lavoratori dipendenti e pensionati”. Per questo FUPS e FNPS sono impegnate nella raccolta firme a sostengo della petizione lanciata dalla Centrale Sindacale Unitaria per modificare la Finanziaria recentemente approvata in Consiglio. Il comitato esecutivo della Ferpa ha inoltre fissato per l’inizio di aprile la convocazione del 6° congresso europeo a Mestre (Venezia). “Tornare a una visione dell’Europa come strumento del progresso sociale, della crescita e della competitività”, questo il tema di fondo dell’appuntamento congressuale, al quale le federazioni pensionati di CSdL e CDLS parteciperanno con 4 delegati aventi diritto di voto. Infine, forte preoccupazione è stata espressa per la situazione di “esplosiva” dei Paesi del Nord Africa che stanno ricercando faticosamente democrazia e libertà.

 

c.s.