Ruby, Berlusconi a giudizio immediato: il gip ha fissato l'udienza il 6 aprile
PDF Stampa
Martedì 15 Febbraio 2011

La decisione del Gip di Milano: giudizio immediato per il presidente del Consiglio per concussione e prostituzione minorile. La difesa di Berlusconi: "Non ci aspettavamo niente di diverso". Si aprirà il prossimo 6 aprile l'udienza del processo a carico del premier Silvio Berlusconi, accusato di concussione e prostituzione minorile. Lo ha stabilito il gip di Milano Cristina Di Censo, disponendo il rito immediato nei confronti del premier. Sarà un collegio composto da tre donne, i giudici della quarta sezione penale di Milano, Carmen D'Elia, Orsolina De Cristofaro e Giulia Turri, a giudicare il capo del governo. “Non ci aspettavamo nulla di diverso” ha commentato a caldo l’avvocato Piero Longo, uno dei legali del premier. Quanto al fatto che il collegio giudicante è composto da sole donne, il legale ha osservato: “Già ci sono nel processo Mills; benissimo, le donne sono gradite e qualche volta anche gradevoli”. No comment, invece, da parte del presidente del Consiglio, che ha lasciato Mineo senza fare dichiarazioni sulla vicenda Ruby e la decisione del gip. Berlusconi è uscito a bordo di un'auto dal residence degli Aranci, dopo aver tenuto un sopralluogo nella struttura che potrà ospitare migliaia di immigrati sbarcati in Sicilia. Il capo del governo ha deciso inoltre di non prendere parte, come previsto, alla conferenza stampa alla Prefettura di Catania, ma di rientrare immediatamente a Roma per impegni improrogabili.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online