Lolli (Rimini Yacht): grazie ma preferisco Gheddafi
PDF Stampa
Venerdì 11 Marzo 2011

RIMINI - No grazie, all’estradizione in Italia preferisco restare con Muammar. Dove Muammar è il Colonnello Gheddafi. A pronunciare questa intenzione sarebbe stato (il condizionale è d’obbligo, come per tutte le notizie che provengono dalla martoriata Libia, in questi tempi difficili) Giulio Lolli, l’ex patron di Rimini Yacht, fuggito dall’Italia con il bottino dopo il crack della sua società nel settore delle imbarcazioni di lusso e arrestato qualche settimana fa mentre passeggiava tranquillamente per le strade di Tripoli malgrado l’ordine di cattura internazionale emesso a suo carico nell’ambito dell’inchiesta denominata Jack Sparrow.
L’imprenditore riminese non si sarebbe mai spostato dal carcere di Tripoli, questo almeno è stato affermato dal Ministro degli Interni, anche se sarebbe stato lo stesso Lolli ad opporsi.