Giulio Lolli è ancora in carcere. Non può essere né liberato né estradato
PDF Stampa
Giovedì 14 Aprile 2011

RIMINI - Che fine ha fatto Giulio Lolli? L’ex patron di Rimini Yacht, arrestato in virtù di un mandato di cattura internazionale mentre passeggiava tranquillamente sul lungomare di Tripoli lo scorso gennaio con l’accusa di bancarotta fraudolenta, secondo quando ha annunciato alla stampa il Pm riminese Davide Ercolani, titolare dell’inchiesta, sarebbe ancora in carcere, a Tripoli.

La conferma della notizia sarebbe giunta alla Procura di Rimini da fonti ufficiali, mentre sulla sua sorte erano nate le voci più disparate all’inizio della guerra. Si ipotizzava anche una sua nuova fuga, approfittando delle conoscenze altolocate dell’imprenditore bolognese, latitante per oltre sette mesi.

In realtà, ha spiegato il Pm Ercolani, è ancora detenuto nel carcere libico. Non può essere rimesso in libertà per decorrenza dei termini di custodia cautelare, ma neanche estradato, poiché in caso di guerra le procedure giudiziarie vengono ufficialmente sospese.