Riciclaggio: Valter Vendemini ex direttore del Credito Sammarinese è agli arresti domiciliari
PDF Stampa
Lunedì 25 Luglio 2011

Credito_SammarineseSAN MARINO - Arresti domiciliari, nella sua casa di San Marino, per Valter Vendemini. L’ex Direttore del Credito Sammarinese, ora commissariato e al centro dell’ultima bufera che ha soffiato violenta sul sistema bancario e finanziario sammarinese, è tornato a casa. Ha trascorso più di due settimane ai Cappuccini, il carcere del Titano. La carcerazione preventiva era stata disposta dai magistrati nel corso dell’inchiesta sui rapporti tra lo stesso Vendemini e il noto affiliato alla ‘ndrangheta Vincenzo Barbieri, ucciso nel marzo scorso a Vibo Valentia. Tramite Vendemini, Barbieri avrebbe infatti aperto due diversi conti correnti nella piccola banca sammarinese: del caso si sta occupando anche la Dda di Catanzaro.

Stando al legale di Vendemini, Pier Luigi Bacciocchi, l’ex Direttore del CS avrebbe trattato con mediatori bancari e non ci sarebbero stati rapporti personali, bensì professionali.

L’accusa paventata per Vendemini è di riciclaggio: il fatto che un esponente di spicco della malavita organizzata abbia potuto effettuare operazioni bancarie a San Marino, rappresenta un problema perché significa che l’adeguata verifica quanto meno non ha funzionato.