San Marino, confessa l’aggressore di Angela Venturini. Non era questione politica ma di soldi
PDF Stampa
Giovedì 04 Agosto 2011

SAN MARINO - Non è stata né una questione legata alla sua attività politica, né tantomeno a quella di giornalista. L’aggressore di Angela Venturini, membro del Consiglio Grande e Generale nonché coordinatore dell’Unione dei Moderati, è stato infatti catturato dalla Gendarmeria. Ed ha confessato tutto. Il motivo del brutale agguato a calci e pugni: una banale questione economica, il vecchio e vile denaro. La questione è stata illustrata oggi in conferenza stampa dalla Gendarmeria. L’uomo, messo alle strette, praticamente inchiodato da prove telefoniche (è stato necessario dare vita a due rogatorie e disporre l’acquisizione di 1,5 milioni di contatti telefonici), ha confessato.

L’uomo, un imprenditore di quarant’anni, sammarinese, è stato denunciato a piede libero.