San Marino – Rimini, frontalieri: lettera a Tremonti per la proroga della franchigia
PDF Stampa
Martedì 08 Novembre 2011

Giulio-Tremonti

 

 

Anche la Provincia di Rimini – per ovvi motivi – si sta muovendo per richiedere la proroga della franchigia per i lavoratori frontalieri. Attraverso una lettera indirizzata al Ministro Giulio Tremonti, Provincia e Comune – dopo l’incontro con il Segretario al lavoro di San Marino, Francesco Mussoni e con i rappresentanti del CSIR – hanno richiesto per iscritto “l’approvazione nella manovra fiscale, entro novembre, di un apposito emendamento per la proroga della franchigia.  All'interno del tavolo sono stati affrontati anche altri temi inerenti, sia la disparità in materia di detrazioni fiscali tra lavoratori italiani e sanmarinesi introdotta dalla Repubblica di San Marino, sia le modalità con cui lo Stato italiano, sul fronte delle detrazioni fiscali, riconosce ai frontalieri. Attualmente, infatti, è la legge finanziaria che ogni anno definisce le modalità e le quantità della detrazione fiscale, mentre sarebbe necessario che fossero definite da una legge ordinaria dello Stato o da una convenzione bilaterale stabile Italia Repubblica di San Marino. Dall’incontro è emersa anche la necessità di coinvolgere altre Istituzioni, allargando il bacino di confronto ad una platea più ampia di istituzioni, locali ma non solo.
“Un incontro positivo e propositivo che, in un clima di grande incertezza economica e sociale come quello attuale- spiegano gli Assessori al Lavoro della Provincia di Rimini, Meris Soldati, e del Comune di Rimini, Nadia Rossi – ha fissato alcuni elementi condivisi con cui cercare di dare risposte strutturate alle seimila famiglie del territorio riminese coinvolte. Il primo passo è quello di supportare il grande impegno con i quali i nostri parlamentari stanno lavorando per fare approvare entro novembre l’emendamento alla manovra”.  
Per Francesco Mussoni, Segretario di Stato della Repubblica di San Marino al Lavoro “un incontro importante ed una presa di consapevolezza delle istituzioni locali della necessità di attivarsi con decisione e prontezza verso la Regione ed il Governo italiano sul tema della franchigia ai lavoratori frontalieri. Occorre che l’intera area limitrofa alla Repubblica di san Marino sia consapevole dell’importanza della reintroduzione della franchigia e della necessità di continuare a lavorare insieme in una difficile congiuntura economico e sociale che coinvolge anche il mio Paese. ho apprezzato la determinazione e convinzione ad affrontare nel parlamento italiano la questione sia da parte  dell’on.le Pizzolante che dell’on.le Marchioni.”