Milano, contrasti Pisapia-Boeri. E l’assessore all’Expo costretto alle dimissioni
PDF Stampa
Lunedì 28 Novembre 2011
boeri_stefanoMILANO - A Milano si è dimesso Stefano Boeri. Era l’assessore alla Cultura e all’Expo della giunta del sindaco Giuliano Pisapia. Una brutta tegola, l’ennesima, per quello che riguarda la gestione dell’Esposizione Universale del 2015, che continua ad avere vita assai travagliata.

Stefano Boeri (nella foto) ha dimesso le proprie deleghe in mattinata: il pallino è ora nelle mani del sindaco, che si trova a dover scegliere se togliere la delega all’Expo lasciando a Boeri quella, ridimensionata, alla cultura, oppure cambiare totalmente rotta.

Se i problemi tra Pisapia e Boeri sono sorti sin da subito sulle questioni legate all’Expo, a far traboccare il vaso è stata una goccia legata alla cultura, la decisione unilaterale di Boeri di trovare un’altra collocazione per il Museo d’arte contemporanea, senza avvisare il sindaco. Che questa volta non l’ha mandata giù.

Per la cronaca, Boeri nel novembre 2010 era stato il candidato del PD alle primarie del centrosinistra, battuto proprio dal candidato di SeL Pisapia, poi divenuto sindaco.