Bologna, l'ex candidato sindaco Matteo Cevenini si è ucciso
Stampa
Mercoledì 09 Maggio 2012

Cevenini-Maurizio

 

BOLOGNA - Si è gettato da un terrazzo di viale Aldo Moro, a Bologna, sede del Consiglio Regionale dell'Emilia-Romagna. È morto così Maurizio Cevenini, consigliere regionale e comunale (a Bologna), esponente del Partito Democratico, ex candidato sindaco nella città delle due torri. Aveva appena 58 anni. A confermare la notizia è stato Matteo Richetti, Presidente del parlamento regionale. Il corpo del politico è stato trovato da una guardia giurata questa mattina poco prima delle otto. Cevenini era molto amato a Bologna, dove lo chiamavano semplicemente "il Cev". Recordman nazionale per la celebrazione dei matrimoni civili, una grande passione per il calcio e il suo Bologna in particolare, nel 2010 era di fatto il candidato unico per la poltrona a sindaco della città. Candidato unico perché né il centrosinistra né tantomeno il centrodestra erano riusciti a trovare una candidatura decente. Poi a ottobre dello stesso anno un'ischemia transitoria troncò le sue velleità elettorali: sconsigliato dai medici a proseguire la corsa verso l'urna decise il ritiro, e con il ritiro, disse, "sfuma il sogno di una vita, la mia vita".