San Marino, il boss della n’drangheta Femia aveva un conto sul Titano
PDF Stampa
Venerdì 25 Gennaio 2013

 

Il nome della Repubblica di San Marino torna a infangarsi in un giro malavitoso di deposito di denaro illecito. La notizia arriva assieme all’arresto di Nicola Femia, boss della ‘ndrangheta, bloccato assieme ad altre 29 persone in una maxi retata compiuta dalle Fiamme Gialle in un giro di slot machine truccate.

Secondo il giornalista Giovanni Tizian, “Femia aveva depositato ingenti somme di denaro sul Titano, successivamente scudate attraverso la Sofir di Bologna”.