Gli Ogm sono arrivati nel nostro piatto
PDF Stampa
Giovedì 28 Gennaio 2010

Gli Ogm sono sulle nostre tavole, e noi lo ignoriamo. Non si parla di pomodori o zucchine “modificate” in laboratorio, ma dei mangimi consumati dagli animali allevati nelle stalle italiane. Infatti circa il 25% dell’alimentazione di suini, bovini e pollame è costituita da farina di soia Ogm. Questo numero si evince dai dati di diverse associazioni del settore. Confrontando i dati forniti da Anacer (associazione importatori cereali), Assalzoo (associazione produttori mangimi) o dal Consorzio Agrario di Cremona, la sostanza non cambia. Un quarto dei mangimi utilizzati nello Stivale contiene farina di soia Ogm. Fin qui niente di male, solo se i consumatori ne fossero informati e messi nella condizione di scegliere se acquistare o meno un certo alimento. Non si salvano neppure i cosiddetti prodotti di qualità “Dop”, dal prosciutto San Daniele, al Parmigiano-Reggiano, al Grana-Padano eccetera. In Italia c’è una produzione di soia “Ogm free”, ma riesce a produrre solo 500-600 mila tonnellate all’anno, pari al 5-7 per cento del fabbisogno totale. Quindi l’agricoltura tricolore non riesce a far fronte alla domanda interna di soia, né a competere con i prezzi dei concorrenti esteri. Infatti la farina Ogm viene importata prevalentemente da Usa, Brasile e Argentina, con quotazioni nettamente inferiori al prodotto “naturale”. Vien da sé che sempre più allevatori per incrementare gli utili, o per mantenersi semplicemente a galla, ricorrano alla soia “modificata”.