Continuano gli incontri Governo - Sindacato sui temi del rinnovo del Contratto
PDF Stampa
Venerdì 12 Aprile 2019

SAN MARINO - Nella giornata di ieri 11 aprile 2019 i Segretari di Stato per gli Affari Interni e quello per la Pubblica Istruzione hanno incontrato le Federazioni del Pubblico Impiego delle tre sigle sindacali.

Il Segretario di Stato Guerrino Zanotti ha comunicato che nella prossima legge di assestamento di bilancio verranno proposti gli interventi su numerosi capitoli legati alla spesa corrente che porteranno ad un risparmio superiore ai 2 milioni e seicentomila euro previsti quale obbiettivo dalla ultima legge di bilancio. Si tratta del lavoro svolto dai tecnici della Direzione della Funzione Pubblica e della Direzione della Finanza Pubblica che con una ricognizione certosina hanno "limato numerose voci di previsione di spesa che non vanno ad intaccare il funzionamento dei servizi pubblici. Il risparmio previsto si attesterà ad oltre 3 milioni di euro.

L'incontro si è poi focalizzato sulla proposta di nuova articolazione dell'orario di servizio del settore museale con lo scopo di modificare l'orario di apertura dei nostri musei e monumenti, riorganizzando il lavoro degli adetti partendo dai dati raccolti sugli ingressi nelle precedenti annate.

Il sindacato si è dichiarato disponibile a discutere con i propri rappresentati la proposta nei prossimi giorni al fine di predisporre il nuovo orario che il Governo intende porre in essere a partire dal mese di maggio prossimo. Il Segretario di Stato Marco Podeschi ha illustrato il progetto di potenziamento del comparto museale iniziato nel 2018 con la Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea e che continuerà nel prossimo triennio con il Museo di Stato, Torri e apertura di nuovi musei o spazi espostivi (Museo Filatelico e Numismatico - progetto Cisterne - Galleria Montale).

Successivamente il Segretario Zanotti ha consegnato le proposte di modifica dell'orario di servizio relativo a due Unità Operative (Ufficio Registro Automezzi e Stato Civile) per una sperimentazione semestrale di apertura di alcune ore al Sabato mattina. La sperimentazione ha lo scopo di verificare il gradimento del pubblico attraverso la raccolta analitica degli accessi in tale giornata. Le Federazioni Sindacali hanno espresso le perplessità sulla reale necessità di tale intervento che, a detta loro, influisce sui tempi di vita degli operatori coinvolti. "Ritengo – ha dichiarato il Segretario di Stato per la Funzione Pubblica Zanotti - che pur comprendendo le ragioni dei dipendenti, sia comunque importante procedere su tale strada per avere un concreto riscontro da parte degli utenti sulla necessità di avere alcuni uffici, che sono frequentati da utenza "indifferenziata" (non professionale) in larga parte, aperti il sabato mattina per alcune ore". Naturalmente la conferma o meno dell'orario avverrà dopo una seria e attenta analisi dei dati alla fine di dicembre. In tale senso nei prossimi giorni il Direttore della Funzione Pubblica Manuel Canti, incontrerà i Direttori degli Enti Autonomi e delle Aziende di Stato per valutare in quali altri uffici avviare simili modifiche in prova dell'orario di sevizio.

Nelle prossime settimane la trattativa entrerà nel merito degli altri punti annunciati con il documento del Governo sul rinnovo contrattuale: Nuovo sistema retributivo, accorpamenti di uffici, modifica dell'orario contrattuale da 36 a 37,30 ore settimanali.

Su questi argomenti prossimamente verrà dato conto con comunicati pubblici specifici.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online