Futsal: il Tre Penne sbatte sulla capolista ma è ai play-off
PDF Stampa
Venerdì 19 Aprile 2019

SAN MARINO - Il Tre Penne è la sesta ed ultima squadra qualificata alle fasi finali di campionato. A consentire ai biancoazzurri di raggiungere Fiorentino, Folgore, Murata, Juvenes-Dogana e Tre Fiori nel novero delle formazioni che si contenderanno lo scudetto 2018-2019 non è il risultato di Dogana, dove la stessa squadra di Città incrociava gli scarpini con la capolista Fiorentino, ma quello di Acquaviva, dove la Folgore impattava con il Pennarossa estromettendo in maniera definitiva quest''ultimo dalla corsa al terzo posto del Gruppo A.

Infatti la squadra di Chiesanuova aveva a disposizione solo la vittoria per rimandare la sentenza all'ultima giornata. Ma la Folgore non gradiva l'idea e alla fine rovina i piani dei biancorossi imponendo loro un letale 3-3. Ottima la partenza della squadra di Selva, che al 3' è già in vantaggio grazie all'acuto di Gianpaolo Brighi. Il pareggio giallorossoneri, arriva a distanza di 8', e con la firma di Alberto Zanchi, ma il Pennarossa riesce a riportarsi in vantaggio prima del cambio campo grazie a Paride Renzi. In avvio di ripresa Alberto Macina scava un piccolo fossato di sicurezza in favore dei biancorossi, rimontati però nello spazio di 10' per effetto della doppietta di Federico Zamboni, di fatto il giustiziere delle mire play-off di Filippo Macina e compagni.

Rinviata invece all'ultima giornata – questa sì – la querelle tra Murata e Juvenes-Dogana a proposito del primato del Gruppo B. Le due rivali ieri si sono sfidate a distanza regolando senza particolari problemi le rispettive pratiche. I bianconeri hanno liquidato il Faetano con un pokerissimo scritto da Thomas Felici (doppietta), Michael Mauri, Alessandro Paccagnella e Raffaele Casadei, a fronte dell'unico gol gialloblù firmato da Michele Moroni. Cinque gol anche per la Juvenes-Dogana nell'incrocio con la Libertas, colpita da Gabriele Borasco, Francesco Gatti (doppietta), Andrea Guidi e Mirco Gabrielli. Due le marcature in casa granata, a firma di Michele Romagnoli e Pietro Paolo Camilloni.

Come si accennava sopra, il Tre Penne festeggia il traguardo play-off sebbene l'incrocio con il Fiorentino si risolva con un risultato diverso da quello che Cellarosi e la sua squadra auspicavano. La capolista, infatti, non smentisce sé stessa e con un "settebello" di marcature festeggia l'ennesima vittoria stagionale. Apre le danze Danilo Busignani, che poi esulterà altre tre volte. Nel mezzo la doppietta di Fabio Belloni e in chiusura il sigillo di Elia Pasqualini.

Addirittura in doppia cifra il successo de La Fiorita a spese del malcapitato San Giovanni, travolto 14-0 per effetto delle sei reti personali di Giacomo Bernardi, della tripletta di Thomas De Biagi, della doppietta di Thomas Pellegrini e delle marcature singole di Mattia Mazza e Alex Grossi, oltre che dell'autorete del rossonero Davide Podeschi.

Tuttavia, per quanto larga, si tratta di una vittoria ininfluente ai fini della classifica. Vale lo stesso discorso per quella che il Tre Fiori centra ai danni della Virtus, brava a reagire prontamente – con Nicolas Rossini – al primo vantaggio gialloblù a firma di Matteo Sammarini, ma incapace di produrre ulteriori repliche dopo che il Tre Fiori rimette la testa in avanti grazie a Francesco Stolfi.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online