Al Cinema Tiberio parte la rassegna FICE “Riusciranno i nostri eroi”
PDF Stampa
Mercoledì 09 Ottobre 2019

RIMINI - Al Cinema Tiberio di Rimini (via San Giuliano, 16) è tempo di rassegne: si inaugura la rassegna FICE Emilia Romagna "Riusciranno i nostri eroi", dedicata al cinema italiano con proiezioni ed incontri con gli autori. Il primo film in programma è "Aquile Randagie" di Gianni Aureli con Teo Guarini, Alessandro Intini e Romeo Tofani: il film ritorna in programmazione, dopo il grande successo registrato nelle prime giornate, da giovedì 10 a domenica 13 ottobre (ore 21, sabato 12 ottobre anche alle ore 17). Venerdì 11 sarà ospite il regista Gianni Aureli per l'incontro con il pubblico al termine della proiezione.

Il film riporta al 1928 quando lo scautismo fu dichiarato soppresso dal Consiglio dei ministri. Un gruppo di ragazzi della parrocchia di S.Solcro si rifiuta di sottostare a questa norma e decide di continuare a svolgere la propria attività tra Milano e Monza. Aquile Randagie racconta un pezzo di Resistenza italiana e personaggi rimasti spesso fuori dai libri di storia. « È un film sulla guerra, ben documentato da una ricerca storica, che mostra anche l'allegria, il coraggio e la spensieratezza di giovani» spiega il regista Gianni Aureli, romano, 34 anni, alla sua prima esperienza dietro la cinepresa per un film di finzione dopo tanti documentari e reportage.

Da venerdì 18 a domenica 20 ottobre (ore 21, sabato 19 anche ore 17) è in programma, in prima visione "L'ospite" di Duccio Chiarini (ospite nella serata di venerdì 18 ottobre) con Daniele Parisi, Silvia d'Amico e Thony: Guido (38 anni) ha una relazione con Chiara (33 anni) che viene messa in crisi dalla possibilità che lei sia rimasta incinta. Mentre lui si sente pronto per la paternità lei ci vuole pensare. Nell'attesa, Guido, sperando di farle cambiare idea, se ne va di casa ottenendo ospitalità sia dai suoi genitori che dagli amici. Avrà modo di diventare testimone di storie che non conosceva fino in fondo. Duccio Chiarini, dopo l'esordio nel lungometraggio di finzione Short Skin, fa ancora centro grazie anche alla scelta, nel ruolo dei due protagonisti, di Daniele Parisi e Silvia D'Amico (chi li ha visti in Orecchie non può averli dimenticati).

La rassegna si conclude con "L'uomo che comprò la luna" di Paolo Zucca, già regista de "L'arbitro": il film ritorna al Cinema Tiberio dopo il grande successo di quest'estate (dove fu presentato con la presenza del regista) da venerdì 25 a domenica 27 ottobre (ore 21, sabato 26 ottobre anche alle ore 17). Il film è interpretato da Jacopo Cullin, Stefano Fresi, Francesco Pannofino e Benito Urgu.

Un'originale commedia ambientata nella bucolica Sardegna (dove ha trionfato al botteghino), con i suoi panorami ancestrali e fuori dal tempo. È qui che qualcuno si è permesso di comprare la Luna, ma nessuno sa il perché l'abbia fatto. Quando la notizia dell'acquisto fa il giro della nazione, arrivando alle orecchie di un'agenzia per la sicurezza atlantica, l'agente segreto Kevin si occupa del caso. Quello che lo aspetta, però, è un viaggio nelle tradizioni sarde, da sempre disconosciute da lui, che di quella terra è originario.

I biglietti per la rassegna sono € 7 per gli interi ed € 6 per i ridotti.

Per informazioni: Cinema Tiberio tel. 328/2571483, biglietteria on line disponibile su www.liveticket.it. Programma completo su www.cinematiberio.it

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online