Direzione e CdA di Poste S.p.A respingono le esternazioni della CSU sulla gestione
PDF Stampa
Venerdì 18 Ottobre 2019

SAN MARINO - Il Consiglio di Amministrazione e la Direzione Generale di Poste S.p.A. respinge con fermezza le esternazioni del tutto infondate espresse dalla Federazione Pubblico Impiego della CSU e riferite alla gestione di Poste S.p.A.

L'azienda, derivante da una trasformazione di un ente pubblico in società di diritto privatistico risulta pur sempre integralmente partecipata dallo Stato ed in ragione di ciò osserva severe linee guida nei processi di sottoscrizione di accordi e di gestione di appalti e consulenze, adottando peraltro specifici presidi miranti a contrastare l'eventuale sussistenza di conflitti di interesse.

In linea alla road map da tempo stabilità, Poste S.p.A. sta con regolarità perseguendo numerosi e importanti progetti di cui alla propria finalità sociale, mediante un confronto continuo e proattivo con le istituzioni e tutti i soggetti coinvolti e nel precipuo interesse dell'utenza, e ciò nonostante le gravose

difficoltà derivanti da una oramai inevitabile esigenza di riduzione dei costi del personale che risulta oltremodo sproporzionato in riferimento alle strutture aziendali.

Resta dunque inteso che la propalazione di esternazioni del tutto gratuite (oltre che disinformate) miranti a gettare discredito sul buon nome di Poste S.p.A., sarà contrastata presso la Sedi più opportune.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online