PMI: per Unioncamere nel terzo trimestre si consolida la ripresa
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Agosto 2010

''L'orizzonte estivo si presenta piu' promettente per le imprese italiane che guardano al trimestre in corso come a quello del consolidamento dei risultati raggiunti negli ultimi mesi'', e' questo il quadro di insieme che emerge dalle indagini congiunturali del Centro studi di Unioncamere, condotte sulle PMI industriali e sulle imprese del commercio e dei servizi, relative all'andamento del II trimestre del 2010 e alle previsioni per il trimestre successivo.

''L'azienda Italia ha smesso di scendere i tornanti della crisi, ha finalmente imboccato un tratto di strada piu' rassicurante e si avvia a una seconda meta' del 2010 piu' positiva di quanto previsto a inizio anno. Guai pero' a distrarsi o a slacciare le cinture di sicurezza''. Cosi' il commento del Presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello.

Nel settore manifatturiero, sia in riferimento alla produzione che al fatturato, infatti, il 60% circa degli imprenditori prevede di consolidare l'andamento del recente passato e un 20% prevede un miglioramento delle performance.

Lo scenario di consolidamento della ripresa registrata ad aprile-giugno viene confermato dalle attese relative agli ordinativi, in modo particolare da quelli dei mercati esteri che mostrano un saldo positivo di undici punti tra chi prevede un aumento e chi prevede una diminuzione.

Quadro prevalentemente positivo anche nel comparto del commercio al dettaglio dove le attese degli imprenditori intervistati mostrano un saldo di 6 punti percentuali in favore dell'aumento delle vendite tra luglio e settembre.

Piu' equilibrate, e tutte in campo positivo, appaiono infine le attese degli imprenditori dei servizi. Nel complesso, le aspettative sull'andamento del volume d'affari del trimestre estivo si attestano a +7 punti percentuali (suddivisi tra +6 nella fascia al di sotto dei 50 dipendenti e +9 in quella oltre tale limite).