Gruppo Delta, Massimo Bernetti (Ugl): "Revocati 80 licenziamenti"
PDF Stampa E-mail
Lunedì 15 Novembre 2010

“Lo scorso 11 Novembre i Commissari straordinari nominati da Banca d’Italia, hanno ufficializzato il collocamento in mobilità, con decorrenza fine mese, di ulteriori cinquantadue esuberi e, inaspettatamente, la revoca dei restanti ottanta licenziamenti.”. È quanto dichiara il Segretario Nazionale, Responsabile dell’UGL Credito di Roma, Massimo Bernetti, in merito alla vicenda del Gruppo Delta. “Dei circa 420 esuberi dichiarati in avvio della procedura 223/1991 – evidenzia Bernetti – ben 242 sono i dipendenti che, entro la fine dell’anno, risulteranno immessi nella costituenda parte emergenziale, ex DM 158/2000, mentre una decina saranno i dipendenti che fruiranno degli assegni straordinari di sostegno al reddito, in attesa del pensionamento.”. “La notizia dei mancati licenziamenti, contrariamente alle aspettative dei Commissari, – continua Bernetti – ha originato molti interrogativi e in particolare: come è possibile che, a tre mesi dall’avvio delle procedure di licenziamento, gli organici non siano più sufficienti a garantire la normale operatività? L’accordo di ristrutturazione ex art. 182-bis che il Tribunale di Bologna si appresta ad omologare, è garante della futura tenuta economica/patrimoniale del Gruppo Delta e, conseguentemente, in grado di assicurare il futuro lavorativo al nuovo organico, fino a ieri di cento dipendenti, domani quasi duecento?”. “L’UGL Credito – conclude Bernetti – nel pretendere chiare ed esaustive risposte sia ai numerosi interrogativi sollevati, sia alle questioni sindacali ancora oggi irrisolte, continua a vigilare al fianco dei lavoratori, restando a disposizione delle colleghe e dei colleghi per ogni eventuale ed ulteriore necessità.

 

c.s.