Strauss-Kahn: mantenere aiuti all'economia
PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Ottobre 2009

"L'economia globale rimane in una posizione molto precaria" e "un ritiro prematuro delle politiche di sostegno potrebbe uccidere la ripresa". L'allarme è stato lanciato dal direttore generale del Fondo monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn, nel discorso di apertura dell'assemblea annuale dell'organizzazione di Washington. "Di sicuro", ha sottolineato l'ex ministro francese, "le autorità politiche e monetarie devono disegnare exit strategy credibili. Ma è troppo presto per realizzarle".
Insomma, "la crisi non è finita - ha detto Strauss-Kahn - La ripresa sarà lenta e la domanda privata non è ancora in grado di autoalimentarsi". Particolarmente alta va mantenuta l'attenzione sul mercato del lavoro. "La crescente disoccupazione", ha affermato il direttore generale del Fondo, "rappresenterà un'ombra nera. E anche se la crescita recupererà, ci vorrà tempo perché l'occupazione possa seguire. La disoccupazione continuerà ad aumentare in molti Paesi lungo tutto il 2010".
Rispetto a un anno fa, ha proseguito Strauss-Kahn, "abbiamo fatto un lungo cammino ma il viaggio non è ancora finito" Con la consapevolezza, ha concluso, che "il mondo del dopo-crisi sarà, e dovrà essere, molto diverso" da quello che vi è precipitato.