Turismo, il Consorzio San Marino 2000 lancia la sfida
PDF Stampa
Venerdì 26 Giugno 2009

“The times they are changing”. Attinge dalla celebre canzone di Bob Dylan l’analisi tracciata dal Presidente del Consorzio San Marino 2000 Stefano Raggi: “La crisi economica mondiale e, più da vicino, l’instabilità politica endemica, a cui si deve assommare l’assenza di strategie mirate e lungimiranti, hanno fatto piegare le ginocchia al turismo sammarinese, che dagli anni ’60 in poi è stato una delle locomotive che hanno trainato l’economia”. I tempi stanno cambiando: cambia il modo di fare sistema, cambia il turismo. Ciò che rimane invariata è la volontà di rinascere delle professionalità di San Marino, la Repubblica che da circa un anno si può fregiare del riconoscimento ottenuto dall’Unesco. E il ruolo del Consorzio San Marino 2000, “l’unico organismo – ha evidenziato Raggi - in grado di gestire il turismo congressuale e non. Lavoriamo in stretto contatto con la Segreteria di Stato per il Turismo, e abbiamo il sostegno dell’Ente Cassa di Faetano: due realtà che ci permettono di affrontare nuove sfide”. I numeri snocciolati dal Consorzio sono lusinghieri, a testimoniare la bontà del lavoro fin qui effettuato: 33 aziende associate che mettono a disposizione oltre 600 camere, a cui fanno da cornice numerosi ristoranti, pullman, ecc. Ma i dati più interessanti che sono emersi dall’incontro riguardano senza dubbio il miglioramento delle presenze di maggio rispetto al primo trimestre 2009 e i fatturati: il 2006 si è chiuso con 585.858,75 euro, il 2007 con 820.570,25 euro, il 2008 con 1.032.839,66 euro. E il previsionale 2009 si spinge fino a 1.250.000 euro. In crescita anche il numero dei partecipanti agli eventi organizzati dal Consorzio San Marino 2000: oltre 7 mila nel 2006, oltre 10 mila nel 2007, quasi 15 mila lo scorso anno. E il futuro appare decisamente più roseo, anche grazie a tre nuovi progetti futuri: il Convention&Visitors Bureau, il Palatenda (una struttura polifunzionale in grado di ospitare oltre 2.000 persone) e il San Marino shopping, un servizio navetta che collega gli alberghi associati con gli outlet, i centri commerciali e il centro storico. Le novità non si fermano qui: la nuova scommessa in termini di turismo di nicchia strizza l’occhio alla religione. Sulla scia di Santiago di Compostela e Medjugorie, sta nascendo il pellegrinaggio al Santo Marino. Magari accompagnato all’enogastronomia: è infatti stata costituita da poco l’associazione sommelier San Marino, nata da una costola dell’AIS, e che in autunno promuoverà una manifestazione sul nettare di Bacco. In occasione della presentazione dei dati del Consorzio, il Segretario al Turismo Fabio Berardi ha lanciato due proposte: “Il Kursaal possiede grandi potenzialità, non ancora sfruttate fino in fondo. Per renderlo operativo ai massimi regimi occorre postare RTV e la gendarmeria”. In coda Berardi ha aggiunto che occorre superare il vincolo del 51% per le imprese commerciali: “solo così si possono attrarre nuovi marchi”.

Alessandro Carli