Banca di San Marino, “Finanza e Mercati”: come migliorare il modo di investire
PDF Stampa
Lunedì 17 Settembre 2018

Marchetti Manuel

 

di Manuel Marchetti

 

Investire al meglio i propri risparmi non è semplice come può sembrare.

In queste poche righe condividiamo tre semplici accorgimenti che aiuteranno gli investitori ad aumentare i propri rendimenti fin da subito.

Stabilire il giusto livello di rischio. Si vorrebbe ottenere guadagni elevati ma senza rischiare. Bisogna ricordare che investire implica incertezza e l'incertezza implica rischio. Chi vuole investire al meglio deve rispettare questa regola.

Per questo è fondamentale individuare il proprio profilo di rischio, che rappresenta la perdita massima sopportabile per riuscire ad ottenere un determinato rendimento.

Nel fare questo serve a ricordare che:

a) tanto maggiore è la perdita massima accettabile quando il mercato scende, tanto più elevato sarà il guadagno quando il mercato sale.

b) tanto minore è la perdita massima accettabile quando il mercato scende, tanto più modesto sarà il rendimento che si ottiene quando il mercato sale.

Dopo quanto tempo valutare i risultati dell'investimento e con quale frequenza monitorarne l'andamento. Il giorno dopo aver investito, arriva la tentazione di controllare l'andamento del proprio portafoglio. Questo è un grave errore, perché l'investimento si distingue dalla speculazione per il fatto di essere un'attività a medio/lungo termine.

Il consiglio è di aspettare almeno 3-5 anni per fare una valutazione dei rendimenti del proprio portafoglio. Mentre per quanto riguarda la frequenza con cui monitorarne l'andamento, sarà sufficiente un controllo trimestrale.

Diversificazione. "Non mettere tutte le uova nello stesso paniere diceva la nonna", questa è la principale regola quando si investe sui mercati finanziari. Diversificare significa quindi investire in più strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, liquidità, valute, materie prime, eccetera) che, a loro volta, sono differenziati per settori e Paesi diversi. L'obiettivo principale della diversificazione è quello di ridurre il rischio di un portafoglio. Esistono strumenti finanziari come i Fondi o GPF che permettono un'ottima diversificazione con un solo prodotto in portafoglio.

Ricapitolando, le tre regole per migliorare il modo di investire sono:

1: stabilire il giusto livello di rischio sopportabile;

2: valutare la bontà dell'investimento dopo almeno 3-5 anni e non dopo pochi mesi, monitorandone l'andamento trimestralmente;

3: diversificare.