MotoGp Misano, San Marino sul podio (e nei paddock)
PDF Stampa
Martedì 18 Settembre 2018

MotoGP Mularoni

 

Il sole splendente sulla Repubblica di San Marino e sulla Riviera di Rimini ha illuminato le vittorie di tre italiani in una domenica sensazionale a Misano World Circuit. Andrea Dovizioso in MotoGP, Francesco 'Pecco' Bagnaia in Moto2 e Lorenzo Dalla Porta in Moto 3.

A far da cornice, uno spettacolo di pubblico che fin dal primo mattino ha preso d'assalto il "Marco Simoncelli" ed è stato premiato da una giornata memorabile.

C'è stato infatti il record di pubblico per il Gran Premio OCTO di San Marino e della Riviera di Rimini. 159.120 gli spettatori nel weekend (20.576 venerdì, 41.786 sabato, 96.758 domenica), che si conferma per il terzo anno consecutivo su livelli di straordinario afflusso (158.396 nel 2016, 158.263 nel 2017). Pubblico straordinario anche nella giornata di gara, il terzo risultato assoluto nella stagione MotoGP dopo Le Mans e Assen.

Oltre ai Segretari di Stato della Repubblica di San Marino – Augusto Michelotti, Marco Podeschi, Franco Santi -, presenti (per motivi diversi) anche alcuni imprenditori associati ANIS A seguire le gare del Team Del Conca Gresini Moto3 - che a Misano ha trovato la doppietta sul podio della classe cadetta con Jorge Martin e Fabio Di Giannantonio, rispettivamente secondo e terzo sul traguardo - il Presidente Ceramica Faetano SpA Paolo Mularoni e Stefania Leardini, presidente della Fondazione Cino Mularoni.

Nei paddock anche Franco Capicchioni, ex Presidente ANIS e Presidente del CdA di Ali Parquets.

 

SAN MARINO SUL PODIO


Una sfida conclusasi al fotofinish e due importanti momenti che hanno visto prima Canet e Bastianini e poi Bezzecchi uscire di scena. In entrambe le cadute i piloti del Team Del Conca Gresini hanno sventato il pericolo di rimanerne coinvolti e sono arrivati così a giocarsi la vittoria finale all'ultima curva.

Jorge Martin ha tagliato al secondo posto il traguardo del San MarinoGP e ha conquistato 20 punti fondamentali per la rincorsa al titolo. Ora è leader con 8 lunghezze di vantaggio su Marco Bezzecchi. Anche Diggia con 16 punti accorcia le distanze rimanendo terzo ma con soli 29 punti da recuperare sul compagno di squadra.

Martin: "Devo ammettere che dopo il warm up non ero troppo fiducioso, non mi sentivo perfettamente sulla moto. Poi però le cose in gara sono andate diversamente: ho visto subito che Bastianini e Canet erano fuori gara e ho pensato fosse comunque una buona occasione per allungare in campionato almeno su di loro. Poi l'errore di Bezzecchi ovviamente ci ha favorito, anche se quasi casco pure io... Sapevo di non poter vincere, ma il secondo posto e la leadership sono solo buone notizie".

Di Giannantonio: "Non è stata una gara facile, ma sapevamo di avere il potenziale per fare molto bene. Avrei voluto trovare qualche punto in più, ma ci avviciniamo in classifica alla testa e fare podio porta sempre buon umore, specie in casa".

 

LE PAROLE DEI PROMOTORI


"Siamo tutti molto soddisfatti, il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini continua a crescere su tutti i fronti e il record di quest'anno è un grande risultato. All'appeal sportivo che attrae audience in tutto il mondo, abbiamo aggiunto ingredienti che sono nel nostro DNA e che ormai si sono perfettamente integrati, garantendo vantaggi diffusi su tutto il territorio. La dimensione della MotoGP a San Marino e sulla Riviera di Rimini è ora quella di un appuntamento di dieci giorni, che attende un'ulteriore spinta promo commerciale perché collocato in un contesto che nessuno al mondo può pareggiare. E' la sfida del prossimo quinquennio, ognuno di noi può fare un ulteriore scatto in avanti perché si tratta chiaramente di un investimento assai redditizio in termini di immagine e di indotto turistico. E' una responsabilità condivisa ed uno stimolo entusiasmante".