Banca di San Marino, leasing: tipologie, soggetti coinvolti, costi e durata
PDF Stampa
Venerdì 12 Ottobre 2018

Bollini Alessandro

 

di Alessandro Bollini

 

Il leasing è una forma di finanziamento con la quale il cliente (utilizzatore o conduttore), in cambio di un canone periodico, ottiene la disponibilità di un bene e ne acquisisce la proprietà al termine del contratto, esercitando il diritto di riscatto. I soggetti coinvolti in un contratto di leasing sono:

• Utilizzatore: persona fisica o giuridica che sceglie e utilizza il bene nell'ambito dell'esercizio di un'impresa o professione;

• Concedente: colui che acquista il bene scelto dall'utilizzatore ne conserva la proprietà fino al momento dell'eventuale riscatto;

• Fornitore: colui che vende l'immobile scelto dall'utilizzatore.

Tipologie di Leasing:

• Leasing a canone variabile: l'importo del canone risente delle variazione del parametro di riferimento che determina il tasso di interesse applicato (euribor 3 mesi + spread), in caso di variazione del tasso il canone viene variato in base alle oscillazioni del parametro.

• Leasing a canone costante: l'importo del canone viene concordato con la Banca inizialmente e rimarrà costante per tutta la durata del leasing;

• Leasing a canone erratico: viene stipulato in base ai flussi di cassa del conduttore.

Costi di sottoscrizione contratto di leasing al momento dell'acquisto:

• Imposta di proprietà: 6,40% calcolata sul prezzo di acquisto (se immobile di terzi);

• In caso di prima casa 0,40% + 100,00 tassa fissa

Costi di registrazione del contratto di leasing

• 0,25% sul valore finanziario del contratto.

• Spese legali.

Costi al momento del riscatto del contratto di leasing:

• Imposta di proprietà 6,40% calcolata sul 5% del valore dell'operazione finanziaria;

• Spese legali.

Cosa prevede la normativa vigente a San Marino (Legge 19 novembre 2001 n° 115 "legge sulla locazione finanziaria"):

• durata massima 30 anni - minima 4 anni;

• importo massimo finanziabile 80% del valore di acquisto del bene;

• importo minimo finanziabile 20% del valore di acquisto del bene;

• deducibilità, per i soggetti giuridici, dell'anticipo;

• deducibilità dell'intero canone per i soggetti giuridici (quota capitale e quota interessi);

• agevolazioni fiscali in caso di subentro al contratto di leasing (1,50% sul prezzo di cessione + 0,25% sul valore del contratto);

• accesso al Fondo Servizi Sociali/Credito agevolato per il beneficio del contributo in conto interessi.