Bankitalia, stretta sul contante: segnalate le movimentazioni oltre i 10mila € al mese
Stampa
Mercoledì 11 Settembre 2019

 

di Daniele Bartolucci

 

Dal 1 settembre tutte le banche (comprese Poste Italiane) dovranno segnalare alla Banca d'Italia i movimenti in contanti pari o superiori ai 10mila euro. Tali dati saranno utilizzati dall'Unità di Informazione Finanziaria (Uif) della Banca d'Italia per arricchire l'approfondimento delle segnalazioni sospette e per avviare analisi specifiche su flussi finanziari potenzialmente anomali. Le modifiche apportate dal decreto legislativo 90/2017 alla normativa antiriciclaggio prevedono infatti l'obbligo di trasmettere alla Uif, con cadenza periodica, dati e informazioni individuati in base a criteri oggettivi, concernenti operazioni a rischio di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. Le comunicazioni, spiega Banca d'Italia, dovranno essere inviate, con cadenza mensile, da banche, Poste italiane, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica (incluse le succursali e i punti di contatto comunitari) e riguarderanno le operazioni in contante pari o superiori a una certa soglia. In particolare, le comunicazioni dovranno contenere i dati relativi alle "operazioni in contante di importo pari o superiore a 10.000 euro eseguite nel corso del mese solare a valere su rapporti ovvero mediante operazioni occasionali, anche se realizzate attraverso più operazioni singolarmente pari o superiori a 1.000 euro. Le operazioni dovranno essere individuate considerando tutte le movimentazioni di denaro effettuate dal medesimo soggetto, in qualità di cliente o di esecutore; le operazioni effettuate dall'esecutore sono imputate anche al cliente in nome e per conto del quale ha operato". La rilevazione sarà retroattiva: il primo invio dovrà essere effettuato entro il 15 settembre e riguarderà i dati riferiti ai mesi di aprile, maggio, giugno e luglio.