Segreterie operative: formalizzati gli staff e nominati i Direttori di Dipartimento
PDF Stampa
Venerdì 24 Gennaio 2020

nuovo Governo

 

di Daniele Bartolucci

 

Dopo il giuramento dei giorni scorsi, i dieci nuovi Segretari di Stato hanno iniziato a costruire i propri staff, seguendo l'indicazione programmatica di ricercare figure esperte e professionisti nei vari ambiti. Ovviamente fanno eccezione, in certi casi, i segretari particolari, che sono ruoli fiduciari veri e propri. Ecco le prime scelte: Luca Beccari (Esteri) ha scelto Lea Zafferani, mentre Marco Gatti (Finanze e Bilancio) ha scelto Laura Zanotti e Ida Valli come responsabile del dipartimento Finanze. Il segretario particolare di Stefano Canti (Territorio e Ambiente) saranno invece l'ingegnere Giuliana Barulli per la delega all'Ambiente e l'architetto Lucia Mazza per il Territorio. Massimo Andrea Ugolini (Giustizia) ha scelto Giulia Renzi, collaboratrice alla Cattedra di Diritto Costituzionale e Giustizia Costituzionale all'Università di Urbino. Staff tutto al femminile per Andrea Belluzzi (Cultura) con Laura Gobbi nel ruolo di coordinatore. Roberto Ciavatta (Sanità) ha individuato come addetto di Segreteria Lisa Tomassini, proveniente dal settore bancario. Fabio Righi (Industria) ha indicato invece Chiara Maiani, mentre Federico Pedini Amati (Turismo) ha scelto Luca Lazzari come segretario particolare, Paolo Crescentini addetto di Segreteria e Filippo Francini Direttore di Dipartimento. Già, i Dipartimenti: Massimo Cenci sarà Direttore del Dipartimento Economia, in comune tra Industria e Lavoro, mentre non è stato ancora deciso chi ricoprirà il ruolo di direttore del Dipartimento Affari Istituzionali e Giustizia, in condivisione tra le Segreterie alla Giustizia e la Segreteria agli Interni.

E mentre si attendono gli ultimi "ingressi", è stata decisa un'altra eccellente nomina, quella di Mauro Maiani, che subentra ad Antonio Kaulard come Commissario generale del Governo sammarinese per l'Expo. Un progetto importante per la Repubblica, su cui Pedini Amati (Turismo) ha già commentato nei giorni scorsi di un "grandissimo ritardo nell'organizzazione", dovuto in parte anche al caso dell'Agenzia per lo Sviluppo, di fatto stoppata dalla sentenza dei Garanti in merito all'illegittimità della modifica dello statuto della Camera di Commercio S.p.A, ma in parte anche alle "negligenze in capo a chi avrebbe dovuto gestire prima e meglio l'organizzazione dell'evento", ha commentato Pedini Amati. "Devo dire", ha spiegato a RTV, "che sono rimasto particolarmente deluso e anche scioccato per quello che non è stato fatto fino adesso". Anche per questo il nuovo Commissario generale avrà la propria sede operativa all'interno della Segreteria al Turismo, che ha tra le deleghe proprio quella all'esposizione universale. A proposito di sedi, essendoci ben tre segreterie in più rispetto alla scorsa legislatura, ci sarà qualche cambio: Sanità e Giustizia condivideranno la stessa sede in contrada Omerelli, un tempo occupati dal Territorio, ma sono per poco, visto che la Sanità è destinata a tornare all'Ospedale di Stato.