La Pubblica Amministrazione dialoga online con nuovi strumenti
PDF Stampa
Lunedì 02 Marzo 2020

 

di Daniele Bartolucci

 

Strumenti digitali, semplificazioni e nuove modalità di comunicazione con la Pubblica Amministrazione. Sono questi i temi su cui la Direzione Generale della Funzione Pubblica, congiuntamente alla Segreteria di Stato per gli Affari Interni e i rapporti con le Giunte di Castello, ha ideato una nuova iniziativa rivolta alla cittadinanza, che si svilupperà nel mese di marzo con 6 serate nei diversi Castelli. "L'iniziativa", fanno sapere dalla Direzione Generale della Funzione Pubblica, "risponde all'esigenza, sempre più sentita, di favorire una maggiore diffusione dell'utilizzo di alcuni strumenti digitali e di facilitare l'accesso degli utenti ai servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione ed ha lo scopo di snellire e facilitare l'interazione e la comunicazione tra l'Amministrazione ed i soggetti privati. In questo modo si intende fornire informazioni relativamente agli strumenti che già da tempo sono a disposizione dei cittadini per potere interagire direttamente on-line senza necessità di recarsi fisicamente presso gli sportelli degli uffici pubblici". "L'intendimento è quello di dare l'opportunità a tutti i cittadini di apprendere, partecipare e usare con sicurezza e consapevolezza alcuni strumenti digitali". In tal senso va anche la recente redazione di un "Vademecum dei servizi on line", in distribuzione a tutti gli utenti sammarinesi.

 

NUOVO PORTALE, FIRMA DIGITALE E TNOTICE

 

La digitalizzazione della P.A. è uno dei macro obiettivi che San Marino ha fissato da tempo e, pur trattandosi di un processo complesso, sono diversi i passi avanti fatti negli anni. Anche per questo il ciclo di incontri e il Vademecum serviranno a informare la cittadinanza di queste novità e a chiarire tutti i dubbi sull'utilizzo dei nuovi strumenti, che sono già operativi. La prima novità riguarda la comunicazione via internet, su cui recentemente si è deciso di investire con la realizzazione del nuovo Portale dell'Amministrazione gov.sm, nel quale sono transitati i contenuti presenti sui siti www.sanmarino.sm e www.pa.sm. A questo si unisce la possibilità di trasmettere all'Amministrazione documenti elettronici per mezzo dei servizi on line in tutti i casi in cui è previsto il caricamento (upload) di file, ad eccezione ovviamente dei casi espressamente previsti da norme speciali relative a specifici procedimenti. Alla base di molti processi digitali, come hanno potuto verificare le imprese (che sono obbligati per legge ad eleggere il domicilio digitale ed a ricevere dall'Amministrazione documenti mediante Raccomandata Elettronica, il "tNotice"), c'è il nuovo Registro Pubblico dei Domicili Digitali. Esso è gestito da Poste San Marino S.p.a. e ci si può iscrivere presso un qualsiasi ufficio postale, presentandosi muniti di un documento di identità o di patente di guida, sottoscrivere un modulo prestampato in cui il domicilio digitale che si sceglierà liberamente di eleggere verrà associato ai propri dati di identificazione personale tramite un'autodichiarazione. La registrazione del domicilio digitale, inoltre, può essere fatta completamente online per i possessori di firma digitale. Anche il cittadino può eleggere il proprio domicilio digitale e dare il proprio consenso scritto a ricevere dall'Amministrazione e/o a trasmettere all'Amministrazione documenti mediante Raccomandata Elettronica (tNotice).

Altra importante novità è poi la firma elettronica qualificata, o firma digitale. In questo casto, le funzioni di Registration Authority Office (RAO) relative al rilascio di dispositivi per la firma digitale sono svolte dall'Agenzia per lo Sviluppo Economico-Camera di Commercio con sede in Domagnano, Strada di Paderna, 2, presso la quale è, pertanto, possibile reperire tali dispositivi. A tal proposito, la Direzione Generale della Funzione Pubblica "sta valutando la possibilità di definire un protocollo di intesa per la fornitura di dispositivi per la firma digitale a prezzi agevolati per determinate categorie di utenti". A titolo di informazione, "la Raccomandata Elettronica", si legge nel Vademecum, "fornisce prova certa, opponibile in giudizio, dell'avvenuta trasmissione e consegna della comunicazione, al pari di una raccomandata postale A/R, nonché dell'identità del mittente e del destinatario", mentre "il valore giuridico probatorio della firma digitale, correttamente apposta, è equiparato a quello della firma autografa [...] quindi, fornisce maggiore certezza riguardo al valore giuridico probatorio delle istanze trasmesse per via telematica e riduce notevolmente il rischio di contenzioso".

 

IL CALENDARIO DELLE SERATE DI MARZO

 

L'iniziativa si articolerà in una sessione informativa e formativa, svolta in fascia serale e della durata di circa due ore, eseguita nei principali Castelli della Repubblica. Le sessioni informative/formative verteranno principalmente sui seguenti temi: i servizi on-line dell'Amministrazione - funzionalità e modalità di accesso; il servizio di Raccomandata Elettronica; l'utilizzo di strumenti di firma elettronica.

Di seguito il calendario: giovedì 5 marzo ad Acquaviva, giovedì 12 marzo a Fiorentino, giovedì 19 marzo a Faetano, martedì 24 marzo a Serravalle, martedì 26 marzo a Murata e giovedì 31 marzo a Borgo Maggiore.