Repubblica di San Marino, Tesoreria: a dicembre uscite per 153 milioni
PDF Stampa
Venerdì 05 Giugno 2020

BCSM 153

 

di Alessandro Carli

 

Nel corso del IV trimestre 2019 le operazioni effettuate dal Servizio Tesoreria di Stato di Banca Centrale della Repubblica di San Marino – che consiste nella gestione degli incassi e pagamenti dello Stato e delle Aziende ed Enti autonomi che costituiscono la pubblica amministrazione sammarinese - hanno riguardato entrate finanziarie per circa 323 milioni di euro. Relativamente alle uscite finanziarie invece sono state effettuate operazioni per circa 350 milioni di euro. Lo evidenzia BCSM.

 

I SINGOLI ENTI, MESE PER MESE

 

Andando nello specifico, e soffermandoci mese per mese, il CONS a ottobre ha avuto entrate per 844 mila euro e uscite per 351 mila euro, a novembre entrate per 505 mila euro e uscite per 1 milione, a dicembre entrate per 724 mila euro e uscite per 701 mila euro.

L'Università degli Studi invece a ottobre entrate per 1 milione di euro e uscite per 550 mila euro, a novembre entrate per 255 mila euro e uscite per 399 mila euro, a dicembre entrate per 2 milioni e 100 mila euro e uscite per un milione e 387 mila euro.

L'Azienda Autonoma di Stato per i Lavori Pubblici a ottobre entrate per 1 milione e 119 mila euro, uscite per 1 milione e 334 mila euro; a novembre 2 milioni e 205 mila euro di entrate e 1 milione e 893 mila euro di uscite, a dicembre entrate per 3 milioni e 800 mila euro e uscite per 3 milioni e 700 mila euro.

Per l'ISS a ottobre 26 milioni di entrate e 27 milioni di uscite, a novembre 38 milioni di entrate e 37,9 milioni di uscite, a dicembre 42,5 milioni di entrate e 43,5 di uscite.

Il FondISS 1,766 milioni di entrate e 1,752 di uscite a ottobre, 1,9 milioni di entrate e 1,764 milioni di uscite a novembre e 2,3 milioni di entrate a dicembre e 2 milioni di uscite.

L'Eccellentissima Camera 19 milioni di entrate a ottobre e 27,5 milioni di uscite, 71 milioni di entrate a novembre e 75,7 milioni di uscite, a dicembre invece 73,7 milioni di entrate e 74,4 milioni di uscite.

L'Autorità per l'Aviazione Civile e la Navigazione Marittima: 109 mila euro di entrate a ottobre, 144 mila a novembre, 178 mila a dicembre. Per quel che concerne le uscite, 41 mila euro a ottobre, 19 mila a novembre e 936 mila a dicembre.

L'AASS infine: 7,9 milioni di entrate e 9,8 milioni di uscite a ottobre, 11,7 milioni di entrate e 8,2 milioni di uscite a novembre e 12,5 milioni di entrate e 26,7 milioni di uscite a dicembre.

 

MESE PER MESE, I TOTALI DEL IV TRIMESTRE 2019

 

A ottobre le entrate sono state di 58 milioni, a novembre 126 milioni, a dicembre 138 milioni. Sul fronte delle uscite invece a ottobre 69 milioni, a novembre 127 milioni e a dicembre 153 milioni.

 

BANCA CENTRALE: L'ATTIVITÀ DI VIGILANZA

 

Tra le attività proseguite dal 1 ottobre al 31 dicembre da Banca Centrale c'è stata anche quella di vigilanza che è stata principalmente focalizzata sulla valutazione di istanze autorizzative e sull'analisi della situazione aziendale di singoli intermediari.

I procedimenti autorizzativi sono avviati su istanza di parte (soggetti vigilati o terzi) sulla base di quanto previsto dalla vigente normativa per consentire il verificarsi di una determinata situazione giuridica. Un esempio di procedimento autorizzativo è rappresentato dalla richiesta da parte di terzi di acquisire partecipazioni, oltre una certa soglia, in soggetti autorizzati. A fronte di tali istanze, le unità competenti del Dipartimento Vigilanza analizzano la richiesta e presentano una proposta tecnica al Coordinamento della Vigilanza cui spetta la decisione finale. Le decisioni in materia di "situazione dei singoli vigilati" riguardano gli esiti delle valutazioni condotte su singoli intermediari, per i quali le unità competenti del Dipartimento Vigilanza ritengono opportuno avanzare proposte tecniche al Coordinamento della Vigilanza, sulla base delle informazioni assunte in via periodica (segnalazioni di vigilanza), cartolare (specifiche richieste avanzate ai singoli vigilati) o ispettiva.

Nel periodo di riferimento, tra le altre cose, il Coordinamento della Vigilanza è stato fortemente impegnato nel monitoraggio del percorso in atto per la migrazione della raccolta protetta di Banca Nazionale Sammarinese (BNS) alle 3 banche cessionarie di questa. Tale fase, avviata operativamente ai primi di settembre, con il pieno e fattivo coinvolgimento di tutti i soggetti coinvolti, era volta a consentire il regolare decorso del trasferimento dei depositi bancari di circa 3.400 clienti di BNS. Il Coordinamento della Vigilanza ha supervisionato il processo di migrazione, in aggiunta alle ordinarie attività di vigilanza, anche tramite un'apposita unità di risoluzione creata nel terzo trimestre 2019.