Repubblica di San Marino, Covid-19: meno incidenti e meno infortuni sul lavoro
PDF Stampa
Lunedì 05 Ottobre 2020

incidente

 

di Alessandro Carli

 

Meno infortuni sui luoghi di lavoro e meno incidenti stradali rispetto all'anno prima, anche per i limiti imposti dalla pandemia da Covid-19 che in primavera ha "limitato" gli spostamenti. Il Corpo di Polizia, nei giorni scorsi, ha messo a specchio i numeri del periodo gennaio-agosto. Sono indagini, spiega il Corpo, "ai fini statistici alle quali, poi, seguiranno successivamente proposte per promuovere nell'Esecutivo, nei datori di lavoro, negli automobilisti e nei lavoratori, dei suggerimenti tesi affinché si possa, con la collaborazione di tutti, assumere un impegno che vada poi a garantire la massima priorità al principio della prevenzione e sicurezza generale".

 

LAVORO: INFORTUNI

 

Da gennaio 2020 al 30 agosto gli infortuni sul lavoro sono stati 154: 19 con prognosi dai 20 ai 30 giorni e 1 con prognosi superiore ai 30 giorni. Nello stesso arco di tempo del 2019 si sono registrati 193 infortuni: 19 con prognosi che oscilla dai 20 ai 30 giorni e nessuno riferibile a prognosi maggiore di 30 giorni.

 

GLI INCIDENTI STRADALI

 

Il confronto sugli incidenti stradali nella Repubblica di San Marino si è concluso con un -12 a favore del 2020. Tra gennaio 2019 e il 30 agosto 2019 si sono registrati 77 incidenti stradali. Di questi 3 con prognosi riservata; 34 con feriti; 40 senza feriti ed 1 con una prognosi superiore ai 30 giorni.

Da gennaio 2020 al 30 agosto 2020 invece gli incidenti stradali rilevati sono stati 65. Di quest'ultimi 2 con prognosi riservata; 37 con feriti; 26 senza feriti e nessuno con prognosi oltre i 30 giorni.

Il periodo dell'anno 2020 (gennaio–agosto) è stato particolarmente monitorato in quanto vi è stato un periodo di lockdown che poi è terminato con la dichiarazione di Covid free per San Marino.

"Secondo i dati qui emersi per ambedue le tipologie di infortuni, si può constatare un andamento in leggera diminuzione rispetto all'anno precedente, ma, nell'indagine si desume altresì un incremento degli infortuni di cui le prognosi sono superiori e ricomprese tra i 20/30gg" commenta il Corpo di Polizia.