Repubblica di San Marino, infortuni sul lavoro in calo negli ultimi 5 anni
PDF Stampa
Mercoledì 28 Ottobre 2020

lavori strada operai 

 

di Daniele Bartolucci

 

"L'11 ottobre 2020 è stata celebrata in Italia la 70esima Giornata nazionale per le vittime degli infortuni sul lavoro", ed "essendo il mercato del lavoro sammarinese, con i suoi tanti frontalieri, fortemente integrato, non possiamo che affiancarci e valorizzare questa ricorrenza". Così il Segretario al lavoro, Teodoro Lonfernini, ha annunciato nei giorni scorsi l'arrivo della nuova legge sullo smart working, che "rientra nell'attività di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro in tempi di COVID-19. La legge, non solo darà finalmente una cornice legislativa adeguata qualora dovesse riemergere la necessità di lavorare da casa, ma, visti i dati in aumento a San Marino e nella vicina Italia, può permettere alle imprese di riorganizzare la propria attività, limitando la concentrazione di persone in azienda e di andare incontro alle esigenze dei lavoratori, specialmente di chi ha figli a carico, familiari da assistere o ad alto rischio".

Nel frattempo, riguardo al tema specifico, la Segreteria di Stato per il Lavoro coglie l'occasione per inviare "un messaggio di sensibilizzazione ai lavoratori e alle aziende sammarinesi sull'importanza che devono rivestire, prima di tutto, la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro". "Il 2020", ha spiegato infatti Lonfernini, "con l'incombere della pandemia mondiale, ha mostrato in maniera dirompente come la prevenzione e la salute sul luogo di lavoro riguardino trasversalmente tutti i settori economici e non solo quelli a più alto rischio. L'emergenza sanitaria ha cambiato le priorità legate alla salute e alla sicurezza sul lavoro. Si è mostrata, ancor più evidentemente, quale condizione necessaria per l'esistenza dell'azienda o entità lavorativa stessa".

 

I DATI

 

La Relazione Economico-Statistica 2020 aveva già uno specifico capitolo sul tema, così descritto: "La Repubblica di San Marino, nel quinquennio che va dal 2014 al 2018, registra una progressiva diminuzione degli infortuni totali in ambito lavorativo. Nel 2017 si è verificata una diminuzione degli infortuni totali pari al -9,2%: si è passati quindi da 565 a 513 casi. Di questi 495 casi (il 96,5%) sono stati infortuni sul luogo di lavoro mentre 18 (il restante 3,5%) sono quelli in itinere, che accadono ai lavoratori mentre si stanno recando sul luogo di lavoro". I dati statistici sugli infortuni sul lavoro hanno quale fonte quella del pronto soccorso ISS. Anche il 2019 conferma il dato di 513 infortuni sul lavoro su 21.681 lavoratori occupati (pari al 2.3%)". Detto questo, prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro sono temi ai quali il Segretario Lonfernini vuole "continuare a dare la giusta attenzione, coinvolgendo contemporaneamente su tutto il territorio istituzioni, parti sociali e cittadini. L'obiettivo è quello di rafforzare le iniziative di formazione e informazione per favorire la conoscenza delle tematiche della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro e garantire la massima attenzione attraverso un costante monitoraggio e controllo a tutela di ogni lavoratore".