San Marino, Fixing, editoriale: “Tornare a essere i Titani del commercio”
Stampa
Martedì 14 Luglio 2020

san marino bambini

 

di Daniele Bartolucci

 

La "moneta fiscale" non è una stravagante idea partorita in mezzo a qualche calanco del Monte Titano, ma un'originale strumento che potrebbe rilanciare i consumi, facendo girare nel Paese (ma anche nelle tasche dei sammarinesi) più liquidità. Questo ovviamente è l'obiettivo dei promotori, che fanno propri i concetti basilari della "moneta fiscale", appunto. Di certo, averli chiamati "Titani" non ha aiutato a comunicare il messaggio di base, scatenando una reazione che spazia dalle analisi serie alle prese per i fondelli. Il problema, però, resta: come rilanciare i consumi interni? Di certo San Marino non può permettersi di abbassare le tasse, né i commercianti di abbassare i prezzi, né tantomeno le aziende di alzare gli stipendi. Quindi la soluzione va trovata. E' semmai l'obiettivo che dovrebbe essere più alto: tornare ad essere competitivi come Paese, attrattivo anche per lo shopping, come San Marino è stato per decenni. Uno dei fattori di successo per il business online è sicuramente il prezzo, che spesso schiaccia il commercio in sede fissa. Ma questo vale a parità di servizio, ovvero zero per l'online e zero anche per i negozi. I commercianti che offrono assistenza dedicata, ambienti accoglienti e perché no, sfruttano anche l'appeal della loro location e del contesto in cui operano (che siano città o località turistiche cambia poco), sanno bene di poter resistere all'offerta online. Gli altri sanno che hanno solo da perdere. Su questo fronte, San Marino ha tanto da recuperare. Sul fronte dei prezzi, però, occorre fare altrettanto e puntare a tornare i Titani dello shopping e del commercio.