Nuova scossa di terremoto colpisce la martoriata Haiti
PDF Stampa
Giovedì 04 Febbraio 2010

Un’altra scossa ha infierito su Haiti. La piccola isola caraibica colpita nuovamente da un terremoto, di minore potenza rispetto a quella del 12 gennaio, ma che comunque aggrava ulteriormente la situazione della popolazione haitiana. L’epicentro del sisma, registrato dal Servizio geologico degli Stati Uniti, è avvenuto a 10 km di profondità, a 40 km dalla capitale Port-au-Prince e con un magnitudo 4,6 della scala Richter. Il primo ministro Jean-Max Bellerive durante un’intervista all’Afp ha detto “ci sono più di 200.000 persone che sono state identificate e dichiarate morte, sono stati registrati 300.000 feriti, 4000 amputati, 250.000 case sono andate distrutte e 30.000 imprese hanno chiuso i battenti”. Praticamente un bilancio di guerra. Il capo dell’Unicef, Ann Veneman, è atteso ad Haiti con l’incarico di lanciare una massiccia campagna di vaccinazioni che coinvolgerà in tutto 2,5 milioni di haitiani. “I bambini sono particolarmente vulnerabili perché denutriti e quindi le loro capacità di difesa contro le malattie sono veramente ridotte”, ha dichiarato la portavoce Kate Donovan. L’operazione mira a vaccinare inizialmente circa 530mila bambini sotto i sette anni, per difenderli da morbillo, difterite e tetano. Per cercare di coordinare al meglio i soccorsi Ban Ki-Moon, segretario generale dell’Onu, probabilmente nominerà Bill Clinton come responsabile unico nella gestione degli aiuti umanitari internazionali. I 10 cittadini Usa sospettati del rapimento di bambini haitiani, compariranno davanti alla Corte della capitale.