Terremoto in Turchia: 57 morti e centinaia di feriti
Stampa
Lunedì 08 Marzo 2010

La terra ha tremato e ha portato con sé diverse vittime. La Turchia è stata flagellata da un terribile terremoto, di magnitudo 6.2 della scala Richter. La scossa è avvenuta nei dintorni della città di Elazig, nell’est del paese. Sotto le macerie si sono contati almeno 57 morti e centinaia di persone sono rimaste ferite. Le squadre di soccorso sono già intervenute, e stanno scavando per cercare di trarre in salvo i possibili sopravvissuti. Questa località, in febbraio era già stata colpita duramente da un’altra scossa. L’epicentro del terremoto è stato registrato a 21 km a sud-sudovest di Elazig e a una profondità di 11 chilometri. Il terremoto è stato particolarmente forte a Kovancilar, nei pressi del villaggio di Okcular, e nel piccolo centro di Yukari Kanatli. Sul luogo sono arrivati anche esponenti del mondo politico turco. Su tutti il vice premier Cemil Cicek, il ministro dei Lavori pubblici Mustafa Demir e quello della salute Recep Akdag, il sottosegretario Cevdet Yilmaz e diversi parlamentari. La Turchia non è nuova a questi fenomeni, infatti il suo territorio è adagiato su un’importante faglia sismica. Gli ultimi terremoti disastrosi sono avvenuti nell’agosto e nel novembre del 1999, provocando oltre 20mila vittime.