Ilva, Melucci a Radio 24: “Se il Ministro costituisce il tavolo non continueremo sulla strada del pregiudizio”
PDF Stampa
Martedì 05 Dicembre 2017

"Un'intera mattinata a discutere nel merito alcune questioni tecniche, mi pare di comprendere che c'è stato anche un intervento diretto del presidente Gentiloni, sono tornati tutti un po' nel loro ruolo istituzionale, e si è compreso che le rivendicazioni degli enti locali erano sacrosante. Lo stallo avveniva sulla mancata convocazione di un tavolo specifico per Taranto con priorità rispetto all'ambiente." Così il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, intervenuto a Effetto Giorno su Radio 24, parla dell'incontro di questa mattina con il ministro Calenda a seguito del quale ha ritirato la firma contro il dossier Ilva. Melucci spiega ancora a Radio 24: "Se il ministro viene a Taranto e dimostra di rispettare la comunità, di recuperare autorevolezza per gli enti locali e costituisce quel tavolo come chiediamo, da istituzioni e da amministratori non possiamo certo continuare sulla strada del pregiudizio". Il sindaco di Taranto aggiunge anche: "Io ho il sentore, prima di tutto umano che politico, che il ministro Calenda terrà fede a quanto oggetto del colloquio odierno. E' chiaro che se questo non dovesse realizzarsi in tempi ragionevoli o addirittura se gli esiti di quel tavolo dovessero essere di tutt'altro segno c'è sempre il modo di intervenire sulla vicenda e far saltare quel tavolo, ma non partiamo certo con quest'idea".

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online