Mino Raiola a Radio 24: “Dispiaciuti per la mancata convocazione di Balotelli in Nazionale"
PDF Stampa
Martedì 20 Marzo 2018

"Siamo dispiaciuti per la mancata convocazione di Balotelli, ma ci dispiace ancora di più per la spiegazione ricevuta, pubblicamente perché con noi non parlano. Se Di Biagio dice che i numeri per un attaccante non contano e che sui comportamenti non ha niente da dire, allora la Nazionale è chiusa per Mario." Lo afferma il procuratore Mino Raiola in diretta con Carlo Genta a Tutti Convocati su Radio 24. "Se i numeri non contano una volta, un'altra volta contano i comportamenti, allora penso che sia un discorso chiuso la Nazionale per Balotelli. – continua in collegamento con Radio 24 - Rispettiamo il CT, il problema non è lui, ma il sistema calcio. Abbiamo una Federazione che lavora dando tutti i poteri i mano al Ct, senza avere un piano, un programma, un'idea per il futuro. Abbiamo solo cambiato Ct. Per me questa è la strada sbagliata".

 

"ABBIAMO UNA FIGC CHE FA SCHIFO, È SCARSA, È DEBOLE, NON HA UN'IDEA NÉ UN PIANO"


"La Nazionale deve rappresentare i migliori calciatori del tuo paese, se tu sei tra i migliori del tuo paese e non vieni selezionato, vuol dire che qualcuno ha cambiato le regole e che ce le spieghino che noi proviamo ad adeguarci. La discussione non è Di Biagio o le sue scelte, la discussione è dove vuole arrivare la Figc, dove vuole arrivare la Nazionale." Queste le parole del procuratore Mino Raiola in diretta con Carlo Genta a Tutti Convocati su Radio 24. "Le Nazionali hanno gli stadi pieni, non da noi che sono vuoti. Negli altri paesi la Nazionale è una gioia, da noi è una polemica. " - continua il procuratore a Radio 24 – "Non abbiamo un'idea di come debba giocare la Nazionale, che gioco vuole esprimere, cambiamo solo il Ct, poi un altro Ct, poi un altro. Non abbiamo più identità" – e propone - "Io ripartirei dal sistema tedesco, abbiamo un sistema simile a quello inglese, dove il CT lavora come un manager, ma Di Biagio non è l'uomo adatto per questo. Quando le cose vanno bene è merito di tutti, se invece andiamo male paga solo il CT anche se non ci sono problemi. Aver vinto il Mondiale ci ha fatto male, perché non abbiamo cambiato nulla. Abbiamo una Federazione che fa schifo, è molto scarsa, è molto debole, non ha idee di cosa fare. Dovremmo cercare prima un direttore sportivo, poi fare un piano tecnico, non cercare un tecnico e farci fare un piano".

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online