Radiocor, Doxa: Salamon cede controllo a BVA, nasce polo delle ricerche di mercato
PDF Stampa
Venerdì 15 Febbraio 2019

Marina Salamon cede il controllo di Doxa al gruppo franco-americano BVA. E' quanto annuncia sul proprio sito internet la stessa società, fondata nel secondo dopoguerra e acquistata dall'imprenditrice nel 1991. L'accordo prevede uno scambio azionario tra BVA Group e Alchimia Spa, la holding di Marina Salamon, che reinvestirà la maggioranza di quanto ricevuto in azioni BVA, diventandone quindi socia e resterà presidente di Doxa-Bva. Secondo quanto si apprende, il passaggio della quota di controllo di Alchimia è avvenuto a una cifra inferiore ai 10 milioni di euro e prevede l'opzione per l'acquirente di arrivare a detenere l'intero capitale. BVA Group, terza più importante società di ricerche di mercato in Francia, ha realizzato nel 2018 un giro d'affari di 180 milioni di euro e conta oltre 800 collaboratori negli uffici in Europa, Asia e Stati Uniti. L'intero staff di Doxa, 140 persone, verrà mantenuto e ampliato - si legge nella nota - così come resterà Vilma Scarpino, attuale a.d. e socia di Doxa.

«Condividiamo con BVA gli stessi valori, e le nostre culture di ricerca sono simili. BVA è partecipata, insieme, da 4 soci-imprenditori e dal fondo Naxicap. Li stimo molto e penso che questo sia un assetto azionario rivolto al futuro, ben diverso dalle società multinazionali» ha dichiarato la Salamon. Dal perimetro dell'operazione è esclusa l'agenzia di marketing e comunicazione Connexia, che fa sempre capo ad Alchimia e ha fatturato 13,5 milioni nel 2013

Nell'operazione, Alchimia è stata affiancata da Linklaters, mentre BVA è stata assistita sotto il profilo legale dagli studi Vivien & Associés e da Portolano Cavallo, mentre New Deal Advisors si è occupato degli aspetti finanziari e Spada Partners di quelli fiscali.

 

Il Sole 24 Ore Radiocor Plus

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online