Radiocor, Ei Towers: in piano 2025 meno ricavi da Mediaset e più da tlc, focus su debito
PDF Stampa
Giovedì 28 Febbraio 2019

Nel piano 2019-25 di Ei Towers scenderanno invece gli investimenti fino a 39 mln nel 2019, poi progressivamente fino a 26-27 mln dal 2022, così come anche le risorse per piccole acquisizioni. In discesa anche i costi (consulenze, personale, affitto di siti e risparmi da cooperazione con altri operatori di rete). In questo quadro, l'ebitda dovrebbe salire da 135,8 milioni nel 2018 fino a 150 milioni già nel 2020 e poi a 180 milioni a fine piano. Il flusso di cassa netto dovrebbe passare dai 33 milioni di quest'anno ai 126 milioni del 2025 contribuendo a ridurre la leva finanziaria a meno di 3 (rapporto pfn/ebitda) nel 2021 e a meno di 1 nel 2025. La posizione finanziaria netta di EiTowers, negativa per 360 milioni a giugno, è raddoppiata nel giro di pochi mesi a causa delle operazioni post-opa, in particolare a causa della fusione nella società delle torri delle due holding utilizzate per l'offerta e del conseguente passaggio sotto Ei Towers dei debiti realizzati per finanziarla. A fine gennaio infatti, l'assemblea di Ei Towers ha deliberato l'incorporazione di 2i Towers Holding e di 2i Towers spa facendo così "collassare" la catena societaria che era servita all'operazione di opa. Il riassetto, oltre ad avere effetti in termini di riduzione dei costi generali e di semplificazione gestionale, ha appunto l'obiettivo di portare in un'unica società i debiti finanziari e i flussi di cassa della gestione operativa.

 

Il Sole 24 Ore Radiocor Plus

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online