Radiocor, Edison: 4 offerte per l’E&P, Energean e Cairn Energy in prima fila
PDF Stampa
Venerdì 08 Marzo 2019

Edison accelera sul riassetto dell'E&P, cioè il business di esplorazione e produzione di idrocarburi. L'obiettivo di Foro Buonaparte è individuare un partner industriale di maggioranza, che valorizzi la crescita di queste attività e soprattutto gli investimenti nel medio-lungo periodo: secondo quanto ricostruito da Radiocor sarebbero arrivate quattro offerte non vincolanti nell'ambito della procedura competitiva coordinata da Rothschild. I pretendenti? Quattro soggetti specializzati nell'E&P: Energean, gruppo di origine greche quotato a Londra, l'inglese Cairn Energy (anch'essa quotata sul listino della City), Neptune Energy, nata su iniziativa di due colossi del private equity come Cvc e Carlyle, e la compagnia tedesca che nascerà dalla fusione tra Dea e Wintershall (costola di Basf).

L'operazione, come ha ricordato l'ad di Edison, Marc Benayoun, in una recente intervista al Sole 24 Ore, richiederà ancora diversi mesi per essere conclusa ma le offerte vincolanti sono previste nella seconda metà di aprile. Difficile stimare i valori in gioco anche se un'indicazione arriva dal valore di conferimento utilizzato da Foro Buonaparte per spostare – la scorsa estate – tutti gli asset degli idrocarburi nella newco Edison Exploration & Production. L'operazione era stata effettuata infatti a 862 milioni sulla base di svariate analisi effettuate dal professor Maurizio Dallocchio, che aveva in ogni caso individuato un range di valutazione molto più ampio che andava da 897 milioni a 1,25 miliardi, da intendersi al netto dei debiti.

 

Il Sole 24 Ore Radiocor

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online