Radiocor, Astm: Gros-Pietro, pronti a rivedere contratti con concedente ma non nel valore
PDF Stampa
Giovedì 17 Ottobre 2019

Astm è aperta a considerare eventuali "partnership nei progetti" proposti dal Governo italiano, "perchè questo è il nostro mestiere ed è quello che facciamo". E' quanto ha detto a Radiocor, a margine dell'assemblea dei soci Astm, il presidente Gian Maria Gros-Pietro, il quale tuttavia - interpellato su un possibile ruolo del gruppo nell'eventuale riassetto di Autostrade per l'Italia - ha chiarito che "le partecipazioni azionarie sono decisioni di tipo strategico" e che Astm è "soggetta a direzione e coordinamento".

Gros-Pietro ha anche voluto chiarire un altro aspetto tutt'altro che secondario, specie alla luce dell'attuale contesto politico ed economico italiano: "In un'attività in concessione, il concessionario esiste in quanto c'è un concedente" e tra i suoi compiti "c'è quello di rispondere alle richieste fatte dal concedente". In particolare, ha aggiunto, "come Astm siamo particolarmente flessibili, capaci e pronti a qualunque sforzo per ricostruire nuove attività e nuovi atteggiamenti in funzione dei legittimi cambiamenti delle richieste dei concedenti che, essendo di natura politica, possono cambiare i loro obiettivi". Tutto ciò, ha precisato con forza, a una condizione: "che i contratti si rispettano da ambo le parti, e noi li rispettiamo scrupolosamente: quello che non possiamo accettare nè negoziare è che cambi il valore del contratto perchè dobbiamo rispondere ad azionisti, obbligazionisti, istituzioni finanziarie e in generale agli stakeholders, migliaia di persone il cui futuro dipende dalla capacità del gruppo di raggiungere i suoi obiettivi".

 

Il Sole 24 Ore Radiocor

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online