Baghdad: oltre 300 tra morti e feriti Nessuna rivendicazione degli attacchi
PDF Stampa
Mercoledì 03 Novembre 2010

Continua a salire il bilancio delle vittime degli attacchi che ieri notte hanno insanguinato Baghdad. Oltre 300 persone sono rimaste uccise e almeno 200 sono state ferite in 21 esplosioni provocate da altrettante autobombe, presi di mira soprattutto i quartieri sciiti della città, dove sono stati colpiti commissariati di polizia, bar, ristoranti, mercati ed altri luoghi pubblici. Nel tentativo di bloccare gli attacchi le autorità hanno imposto il coprifuoco, con macchine della polizia che pattugliano le strade invitando i cittadini a non uscire. Secondo un funzionario del ministero dell'Interno iracheno, la città di Baghdad è stata attaccata da autobombe, congegni esplosivi piazzati per le strade e proiettili di mortaio, per almeno 12 grandi attentati autobomba. Dieci quartieri sono stati colpiti gravemente, la maggior parte dei quali sono sciiti. Attualmente, nessuna organizzazione o individuo ha rivendicato la responsabilità degli attacchi.