Egitto: blocco di Internet per le proteste
PDF Stampa
Venerdì 28 Gennaio 2011

Secondo quanto riportano gli inviati in Egitto, nel paese mediorientale è in atto un vero e proprio blockout delle Reti di comunicazione: niente Internet e niente SMS, così il regime cerca di arginare la protesta popolare. Il blackout è stato compiuto dal governo del Presidente Hosni Mubarak per cercare di contenere il tam-tam di protesta tra i rivoltosi. Secondo quanto riporta Sebone, uno dei maggiori service provider egiziani, che ha sede in Italia, il traffico Internet è attualmente bloccato. E anche dagli inviati di diversi media internazionali arriva la conferma: non c’è solo il blocco di Internet e dei servizi sociali come Twitter e Facebook, ma anche l’invio e la ricezione di SMS sui telefonini è oscurato. Il blocco è stato messo in atto dalle forze governative per cercare di contenere la protesta popolare che da alcuni giorni infiamma l’Egitto. Secondo molti opinionisti sul campo la fine del dominio del Presidente Mubarak, in carica dal lontano 1981, è vicina. Il merito è la scia lunga della protesta che ha infiammato la Tunisia a dicembre e ha costretto alla fuga il governo e il Presidente Ben Ali dopo ben 23 anni di immobilità.