Yuri Gagarin: 50 anni fa il primo volo umano nello spazio
PDF Stampa
Martedì 12 Aprile 2011

yuri-gagarin1

 

Oggi come avrete certamente notato dal Doodle di Google si celebrano i 50 anni dal primo volo umano nello spazio ad opera del grande astronauta russo Yuri Gagarin. Il cosmonauta sovietico a bordo della navicella Vostok-1 il 12 aprile 1961, dopo aver compiuto un'intera orbita ellittica attorno alla Terra alla velocità di oltre 27mila chilometri orari e aver raggiunto un'altitudine massima di 302 chilometri e una minima di 175 ritornò sulla Terra dopo un'ora e 48 minuti. La sua frase "Da quassù la Terra è bellissima, azzurra, e non ci sono confini o frontiere" fece il giro del mondo. Tra le tante manifestazioni, convegni e ritrovi organizzati in Italia per commemorare questo storico evento ve ne segnalo alcuni che mi sono parsi particolarmente interessanti. "Dall'uomo nello spazio allo spazio per l'uomo" è un convegno che avrà luogo oggi al CNR di Sesto Fiorentino (Firenze) alle ore 14.30 e che avrà il privilegio di ospitare la celebre e simpaticissima astrofisica Margherita Hack che parlerà del tema "Scoperta di nuovi aspetti dell'Universo". Tanti i nomi di spicco tra cui Ettore Perozzi di Telespazio con "Fuori dalla culla" e Giorgio Fiocco dell'Università La Sapienza di Roma con "Sviluppi dell'attività spaziale" e poi Armando Buccheri della Selex Galileo, di Ruggero Casacchia e Alberto Mugnai del CNR, di Mario Cosmo dell'Agenzia Spaziale Italiana, e quindi di Guido Levrini dell'ESA (European Space Agency). L'agenzia Ria Novosti, La Sapienza e l'Agenzia spaziale italiana (Asi) hanno organizzato una splendida mostra fotografica che si terrà a partire dal ventuno di questo mese nelle sale dell'Università romana dal titolo: "Gagarin. Vedo la terra azzurra..!" a ricordo e omaggio della celebre frase che vi ho ricordato a inizio post.

 

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online