Fiat, continua la scalata a Chrysler. operazione 70%
PDF Stampa
Martedì 10 Maggio 2011

Fiat500

Alla Fiat non basta il 51%, ma punta a raggiungere quota 70% del capitale azionario di Chrysler. Un altro segnale di attenzione della casa del Lingotto verso il mercato stars&stripes. Secondo un file depositato da Chrysler alla SEC, l'autorità della Borsa americana, Fiat, attualmente proprietaria del 30% del capitale della casa automobilistica americana potrà raggiungere il 51% con l'esercizio della call option per rilevare il 16% per 1,27 miliardi di dollari una volta rimborsati i governi americano e canadese e un altro 5% una volta raggiunto il terzo performance event, ovvero l'omologazione per il mercato statunitense di una vettura Chrysler con tecnologia Fiat che sia in grado di percorrere 40 miglia con un solo gallone di benzina.

Le ulteriori call option di cui parla il documento, come riportato oggi da MF, includono un'opzione per acquistare le quote detenute dal Tesoro americano (8,6%) esercitabile per 12 mesi e un'altra opzione per rilevare fino al 40% della quota detenuta dal trust Veba ed esercitabile dal primo luglio 2012 fino al 31 dicembre 2016 per un ammontare pari all'8% nell'arco di sei mesi.

Nello stesso file emerge la volontà di Fiat di reintrodurre l'Alfa Romeo negli Usa e in Canada a partire già dal 2012.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online