No alle donne vescovo (in Inghilterra)
PDF Stampa
Mercoledì 21 Novembre 2012

 

sinodo

 

Il sogno rosa della Chiesa protestante anglicano per avverarsi dovrà aspettare altri cinque anni. Il Sinodo ha bocciato la proposta malgrado un'ampia maggioranza favorevole, per l'arcivescovo di Canterbury è un "giorno tragico".

Il Sinodo generale della Chiesa d'Inghilterra ha votato contro l'ordinazione delle donne vescovo: la proposta era stata approvata dal sinodo dei vescovi e dalla Camera del clero, ma era stata respinta dalla Camera dei laici. Per poter essere approvata la proposta doveva ottenere la maggioranza dei due terzi, in ognuno dei tre ordinamenti: nella Camera dei vescovi ci sono stati 44 voti a favore, 3 contrari e due astenuti; nella Camera del Clero 148 sono stati a favore, 45 contro; nella Camera dei laici 132 sono stati a favore e 74 contro.

Il voto è stato incerto fino all'ultimo momento ed è stata la Camera dei laici ad essere decisiva, seppur per pochi voti: quelli favorevoli sono stati la maggioranza, il 64 per cento, ma non sufficienti per raggiungere la maggioranza dei due terzi che non è stata raggiunta per soli sei voti. Il procedimento legislativo era stato avviato 12 anni fa e ora si dovrà attendere almeno altri cinque anni prima di poter votare di nuovo. La Chiesa anglicana aveva approvato, nel 1992, l'ordinazione delle donne sacerdote: oggi sono un terzo del totale. In base alle norme che regolano questo tipo di procedimento, nel caso in cui la proposta fosse stata approvata, si sarebbe dovuto esprimere poi anche il Parlamento britannico, prima dell'assenso finale della regina.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online